Author Archives: admin

Ermanno Giudici ha rassegnato le proprie dimissioni da presidente di ENPA Milano

Ieri sera Ermanno Giudici ha rassegnato le proprie dimissioni da presidente di ENPA Milano.

Dopo 40 anni di attività come volontario, la sede di Milano lo ringrazia per il suo impegno, per la sua dedizione e il lavoro sin qui svolto.

La sua esperienza unita alla sua professionalità, hanno consentito all’ENPA di Milano di diventare sempre più nel tempo un punto di riferimento per tutti, cittadini e istituzioni, sul tema della difesa dei diritti degli animali.

Per quanto riguarda la sezione, ovviamente continuano a essere garantite tutte le attività istituzionali sino a oggi svolte oltre all’apertura al pubblico della clinica veterinaria con i consueti orari di accesso.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

VIDEO girato da bambini durante il recupero dei due pulcini di cigno!

Category : News

Abbiamo ricevuto questi brevi video girati da bambini che hanno assistito alla scena del recupero dei piccoli cigni da parte dei nostri soccorritori.
I commenti di sottofondo sono da ascoltare perchè si sente il trasporto emotivo verso questi due animali che sono in difficoltà.
L’importanza delle parole e l’attenzione per quello che sta per accadere, sono la testimonianza più reale e sincera di questi momenti, che narrati così da questi bambini acquistano ancora più valore.
Grazie!
Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Due pulcini di cigno abbandonati dai genitori soccorsi e curati da ENPA Milano

Sabato scorso i soccorritori di ENPA Milano hanno effettuato il recupero di due piccoli cigni che probabilmente erano stati abbandonati ormai da qualche giorno dai propri genitori lungo il Naviglio.

Le operazioni di soccorso sono scattate dopo che gli operatori sono stati sicuri che i due piccoli cigni fossero effettivamente stati lasciati da soli e che non ci fossero più i genitori nei paraggi.

La speranza era che non fossero stati abbandonati, ma che gli adulti si fossero soltanto momentaneamente allontanati dai propri piccoli, ma purtroppo non è stato così.

Per questo motivo considerata la giovane età dei piccoli cigni, i soccorritori di ENPA hanno deciso di catturarli per sopperire alla mancanza delle cure parentali.

“Quando sono ancora così giovani gli anatroccoli hanno bisogno della presenza dei genitori” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente di ENPA Milano. “In effetti alla visita dei veterinari i piccoli cigni risultavano poco reattivi e abbattuti. Dopo averli alimentati e curati, sono stati trasferiti presso il CRAS di Vanzago. Dalle testimonianze raccolte sembra che i genitori siano fuggiti a causa di alcuni lavori di manutenzione avvenuti nella zona del ritrovamento.”

 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Il salvataggio del piccolo storno – VIDEO

Qualche giorno fa in ENPA è arrivata una richiesta di soccorso per uno storno trovato in una soffitta di un ufficio dove erano in corso dei lavori. Probabilmente il volatile è caduto da un lucernario rimasto aperto: con i suoi richiami è riuscito ad attirare l’attenzione degli impiegati che erano presenti e che sono andati a recuperarlo. Subito dopo ci hanno telefonato per sapere cosa fare e hanno seguito esattamente le istruzioni ricevute filmando tutta la storia.

Questo è un breve estratto che molto volentieri postiamo per ringraziare i segnalanti e fare vedere con quanta attenzione si sono adoperati per il piccolo storno.

Grazie!

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Civetta in difficoltà soccorsa e portata all’ENPA di Milano

Questo splendido esemplare di civetta è stato trovato in pieno giorno in un parco di Milano sotto una panchina circondata da alcuni cani che la osservavano incuriositi:

per evitare che la situazione potesse diventare troppo pericolosa per il piccolo rapace, un passante l’ha presa, messa in una scatola e consegnata agli operatori di ENPA Milano. E’ sempre meglio tenere i propri cani al guinzaglio onde evitare che possano fare del male ad animali liberi appartenenti alla fauna selvatica o che si possano fare del male per esempio attraversando improvvisamente la strada.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Sopralluogo di ENPA su area da bonificare in via Rizzoli a Milano: la situazione è costantemente monitorata.

Category : News

Stiamo seguendo da qualche tempo la questione nata intorno alla richiesta di bonifica dell’area adiacente via Rizzoli a Milano.

La zona è connotata dalla presenza di situazioni di illegalità diffusa: scarichi di rifiuti, occupazione di terreni e anche la creazione di una discoteca illegale, che ha creato non poche proteste da parte dei residenti.

Questa è stata la motivazione per cui il comune di Milano ha emesso un’ordinanza di bonifica di tutta l’area di cui è proprietaria l’INPS, che è contigua a altra area a verde del Comune che non sarà interessata dai lavori.

Il link del comune di Milano descrive bene la situazione: https://www.comune.milano.it/-/ambiente.-via-padova-via-rizzoli-in-corso-le-attivita-di-pulizia-dai-rifiuti-e-percorsi-per-la-legalita

Fatta questa doverosa premessa ci siamo comunque informati sullo stato dei lavori, che se presentano un certo impatto ambientale in zone verdi come questa, è importante che vengano svolti nel rispetto delle normative vigenti a protezione della fauna selvatica presente.

Abbiamo quindi chiesto agli uffici dell’UTA quali fossero le contromisure adottate e ci è stato garantito che per i ripari e punti cibo presenti della colonia felina è stata già individuata una nuova area dove saranno trasferiti, prossima a quella attualmente in uso.

Per quanto invece riguarda la fauna selvatica il Comune si sta attivando per monitorare le zone di verde che potrebbero essere coinvolte nell’opera di bonifica: solo dopo quest’analisi saranno decise le migliori modalità di azione, predisponendo le misure necessarie per non  arrecare danno agli animali eventualmente presenti.

Oggi uno dei nostri operatori, visti alcuni post presenti su Facebook, nonostante le rassicurazioni telefoniche ricevute dall’ufficio UTA di Milano, si è recato sul posto per verificare personalmente  la situazione e in effetti è stato possibile constatare che per ora sono state soltanto recintate le zone oggetto di bonifica.

Vi aggiorneremo quando avremo eventuali ulteriori informazioni che meritano la nostra attenzione, come facciamo sempre quando ci sono situazioni simili, mettendoci eventualmente a disposizione per una eventuale collaborazione.

Mentre il nostro soccorritore era ancora sul posto per verificare la situazione, gli è stato consegnato un riccio che risultava essere disidratato e magro. È stato quindi trasferito presso la sede dell’associazione per accertamenti e cure del caso.

 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Reclutamento volontari stagionali: nuove date!

Tags :

Category : News

Un altro giorno di ordinaria amministrazione nella vita della nostra sezione: ieri sono stati recuperati 25 animali tra cui un rondone maggiore, un topolino, un riccio e il giovane gheppio che vedete in foto.

Il periodo estivo ormai alle porte ci porta nuovamente a un picco di ingressi degli animali, davvero impegnativo per i nostri volontari e per i veterinari. Senza considerare che in sede abbiamo costantemente circa un centinaio di animali da alimentare e curare.
Per questa ragione abbiamo pensato di attivare un reclutamento di volontari stagionali, che possano dare supporto alle nostre attività quotidiane nello svolgimento di mansioni che non richiedano una formazione specifica.
L’obiettivo è quello di agevolare il lavoro dei volontari e staff, impegnati nella cura diretta degli animali ricoverati che in questo periodo dell’anno sono tantissimi.
In sintesi queste sono le attività che i volontari di supporto
dovrebbero compiere:
– Trasferimento in automezzo dell’ENPA dei selvatici dalla sede di Milano di via Gassendi 11, al C.R.A.S. di Vanzago;
– Recupero animali in difficoltà sul territorio che non richiedano
competenze di gestione specifiche o intervento di pronto soccorso;
– Attività di pulizie e sistemazione del materiale presente in sede.
Se volete saperne di più partecipate ai prossimi incontri di presentazione del progetto (da remoto). Per farlo potete iscrivervi scegliendo la data sulla pagina che si aprirà cliccando sul link
di seguito indicato: https://calendly.com/…/incontri-di-presentazione…
Se non trovaste date disponibili significa che i posti previsti sono già esauriti, ma non vi preoccupate: inseriremo in calendario nuove date appena possibile!

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Reclutamento volontari stagionali ENPA Milano!

Stiamo cercando volontari a supporto delle attività ordinarie di sezione, che possano dare disponibilità di tempo nel periodo stagionale da giugno a settembre ma che si dedichino nello specifico soltanto ad alcune attività di sede.

L’obiettivo è di cercare di agevolare il lavoro dei volontari impegnati nella cura diretta degli animali ricoverati che in questo periodo dell’anno sono tantissimi, impiegando risorse che possano svolgere:

  1. Trasferimento in automezzo dell’ENPA dei selvatici dalla sede di Milano di via Gassendi 11, al C.R.A.S. di Vanzago;
  2. Recupero animali in difficoltà sul territorio che non richiedano competenze di gestione specifiche o intervento di pronto soccorso;
  3. Attività di pulizie e sistemazione del materiale presente in sede.

Chiunque avesse disponibilità di tempo e voglia di avvicinarsi alla nostra realtà, può partecipare all’incontro di approfondimento che si terrà in modalità online il giorno 3 giugno alle ore 10 o in alternativa il giorno 12 giugno alle ore 15.

Vi potrete iscrivere collegandovi al seguente link: CLICCA QUI 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Articolo di Ermanno Giudici: “Pitbull usato come fosse un’arma: ennesimo episodio di utilizzo criminale di un cane”

Category : News

“Pitbull usato come fosse un’arma, da parte di uno spacciatore di droga che lo aizza contro i Carabinieri. L’ultimo episodio, ma solo in ordine di tempo, nel quale un cane viene impiegato come strumento per intimidire. Subendone poi le conseguenze, come in questo caso, considerando che il cane è stato ferito dagli agenti. L’episodio è accaduto a Milano, ma potrebbe essere successo ovunque, con protagonisti diversi ma razze di cani quasi sempre uguali. Che a causa di questi episodi, più frequenti di quanto si possa immaginare, godono di pessima fama.

Non esistono cani pericolosi, ma solo cani che possiedono, per conformazione fisica, potenzialità di causare seri danni in caso di attacco. Per questo vengono scelti da piccoli criminali che li usano per minacciare, intimidire, aggredire dopo averli addestrati per stimolarne l’aggressività. Cani che iniziano a subire violenza sino da cuccioli, in mano a veri “padroni” che li vedono come strumenti e non come esseri senzienti. Un grande problema che sino ad ora ha portato solo a criminalizzare alcune razze, ma non ha portato a provvedimenti che tutelino realmente gli animali.

Il problema è più ampio e articolato dei cani usati da certe persone come armi. Il punto di partenza dovrebbe essere la tutela degli animali in senso generale, vietandone il possesso a chi ha sviluppato comportamenti violenti. Se da un lato bisogna evitare che un cane diventi uno strumento di offesa, dall’altro bisogna analizzare i vuoti normativi e prevedere nuove possibilità di tutela.

Un pitbull usato come un’arma rivela molte cose su un rapporto sbagliato fra uomini e cani

L’errore probabilmente è dovuto all’angolo di visione dal quale si osserva la notizia. Un pezzo di cronaca che parla di piccolo spaccio, di un balordo, un cane e di un controllo dei Carabinieri. Che aggrediti dal cane prima cercano di fermarlo con lo spray urticante e poi sparano, ferendolo. Letto così è soltanto uno dei tanti episodi di micro e macro criminalità che riempiono i giornali. Guardando l’episodio invece come fosse la punta di un iceberg le valutazioni potrebbero essere molto diverse.

Iniziamo con il dire che è difficile pensare che padrone e cane non fossero già stati segnalati alle forze dell’ordine. Certi comportamenti non passano facilmente inosservati. Ma spesso queste segnalazioni sono viste come poco rilevanti, nel contesto di degrado in cui hanno avuto origine. Occuparsi di queste situazioni è un problema per diversi motivi: di tempo, di competenze, di costi dei Comuni che non vogliono avere molossoidi che riempiono i canili. Che sono già pieni oltre il limite di cani di questo genere, che molto difficilmente troveranno adozione.

Così finisce che si lascia in mano a una persona violenta, con un profilo quantomeno da piccolo criminale, un cane, costretto a subire violenze e maltrattamenti. Sino a quando le situazioni non precipitano e qualcuno si fa male sul serio. Solo a quel punto tutto improvvisamente si anima, si torna a parlare di razze pericolose, di cani aggressivi e almeno per un po’ l’attenzione resta alta. Per poi tornare al solito e ordinario stato dei fatti: raramente certi maltrattamenti vengono perseguiti e la legge ha davvero uno scarso potere di deterrenza.

Bisogna cambiare le regole, ma anche alzare l’attenzione: il maltrattamento di animali spesso nasconde la violenza

Il nemico da battere, come sempre, dovrebbe essere il comportamento violento, senza distinzione se questo viene esercitato su uomini e animali. Una persona violenta resta sempre pericolosa e quello che oggi viene commesso sugli animali domani potrebbe avvenire sulle persone. Per questo sarebbe importante occuparsene il prima possibile, non solo con la repressione ma anche e soprattutto con la prevenzione.

Chi tiene cani per usarli come strumento di minaccia e li addestra per questo, con metodi che sono immaginabili, deve essere interdetto dal detenerli. Non soltanto cani, ma animali in generale. Questo divieto sarebbe auspicabile per tutti i soggetti che hanno precedenti per crimini violenti, per reati anti sociali e per gesti di intimidazione. Un animale non è per tutti. E dividere la propria vita con un altro essere vivente non deve essere considerato un diritto, senza condizioni.

I reati contro gli animali dovrebbero essere letti, sempre, come indicatori di pericolo per la società. Mai liquidati come reati di lievi entità. Guardando il mondo dei maltrattamenti con attenzione, lo dice la scienza, si possono scoprire molte cose. Tanto che da anni l’FBI scheda i responsabili di maltrattamenti agli animali in un database, usandolo durante le indagini su reati violenti e seriali. In Italia quest’ipotesi investigativa non è presa in considerazione. Sarebbe opportuno rivedere la normativa, cambiare le regole e aumentarne il potere di deterrenza.”

Ermanno Giudici

Presidente ENPA Milano

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Dal sito di Repubblica: “Milano, gli aizzano contro pitbull, carabiniere spara […]”.

Category : News

“Ci sono razze di cani che vengono usate da personaggi che orbitano nel mondo dello spaccio e della piccola criminalità che vengono usate come armi.

Purtroppo il prezzo che questi cani sono costretti a pagare non è solo quello di restare feriti in episodi come questo, ma tutta la violenza che sono costretti a subire durante l’arco della loro vita.
Sarebbe tempo di vietare il possesso di animali a chiunque sia coinvolto in crimini violenti e reati che possano connotare un comportamento di insensibilità verso la sofferenza”.
Ermanno Giudici
Presidente ENPA Milano

ARTICOLO SU REPUBBLICA

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Iscriviti alla Newsletter

Cerca