Author Archives: admin

Dopo violento temporale cade a terra nido con 5 piccoli di gheppio: tutti salvi grazie a ENPA Milano

Questi piccoli gheppi di pochi giorni sono stati trovati ieri a terra, ancora all’interno del nido da alcuni operai di un cantiere del Fiordaliso di Rozzano.
Grazie al primo intervento del personale dell’”Oasi Smeraldino” e degli agenti della Polizia Locale di Rozzano, accertate le condizioni disperate dei 5 piccoli rapaci, è stato chiesto il pronto intervento dei soccorsi dell’ENPA di Milano.

La caduta del nido è stata probabilmente causata dal temporale della notte precedente: all’arrivo presso la sede dell’ENPA i piccoli rapaci erano infatti ipotermici e non reagivano praticamente ad alcuno stimolo, segno che i genitori non erano più riusciti ad alimentarli per un lungo periodo.

Con l’aiuto di tappetini termici, miele e acqua, hanno pian piano iniziato a riprendersi e ora stanno decisamente meglio.
Il traliccio dal quale è caduto il nido era una delle strutture pubblicitarie utilizzate dal centro commerciale.

Una delle molte storie a lieto fine che si riescono a portare a termine grazie alla presenza dei soccorritori di ENPA Milano.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Dopo 2 settimane di cure in ENPA, i cigni stanno bene e vengono liberati

Li abbiamo soccorsi il 21 maggio grazie alla segnalazione di due ragazzi che li avevano visti in difficoltà lungo il canale Muzza: erano legati tra loro ad un filo di nylon da pesca e avevano riportato anche ferite alle ali e alle zampe.
Dopo le cure ricevute in ENPA li abbiamo finalmente potuti liberare.
Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Due belle storie a lieto fine: due topolini adottati e il primo cucciolo di pipistrello della stagione.

Oggi vogliamo raccontare due belle storie a lieto fine:

– due dei 50 topolini che sono in ENPA sono stati adottati da Daniela una persona che segue e sostiene da anni la nostra associazione e che in passato aveva già adottato da noi due gatti. Ma non pensiamo ai cartoni animati di Tom & Jerry! L’adottante li terrà ben lontani e curerà Caciotta e Gruviera, i nomi dei due topolini, con tutte le necessarie attenzioni! Nelle foto sono già nella loro nuova casa. Speriamo che siano in tanti a seguire l’esempio di Daniela.

 

– il primo giugno è arrivato il primo pipistrello di pochi giorni di vita della stagione. Trovato a terra in via Barona a Milano, salvato grazie a Claudia che si è fermata, lo ha raccolto e dopo diverse telefonate, è stata indirizzata alla nostra associazione. Claudia si è precipitata di corsa in ENPA, perché il cucciolo era così piccolo che aveva  paura potesse morire: come vedete dalla foto infatti è grande quanto un ago di una siringa, ma comunque sta bene!

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Lombardia, approvata norma ammazza vigilanza. I bracconieri avranno vita più facile. A rischio l’avifauna protetta

Category : News

Mercoledì 27 maggio, mentre l’ENPA e le Associazioni ambientaliste e animaliste manifestavano di fronte al Pirellone, la maggioranza di centrodestra, nonostante l’appello ad un ripensamento da parte delle forze di opposizione, ha votato le norme di modifica alla Legge Regionale 26/93, tra cui la vergognosa modifica che regala impunità ai bracconieri. Tra pochi giorni infatti, con la pubblicazione della Legge di semplificazione, le Guardie Venatorie Volontarie dovranno indossare giubbino e cappello ad alta visibilità nell’esercizio delle loro funzioni. A nulla è servito anche l’appello al governatore Fontana a fermare lo scempio.

Con la bugia della sicurezza, contando sul momento drammatico in cui si trova la Regione Lombardia, si è data vita ad una norma che inficia l’attività delle Guardie Venatorie Volontarie, il cui operato va ricordato è alla base del 36% delle denunce a carico di cacciatori e bracconieri.

Ovviamente se alla guardia senza alta visibilità si sospenderà il decreto fino a un anno, per il cacciatore inadempiente la sanzione è di soli 30 euro: meno di una cena al ristorante.

Approvato anche l’uso del visore notturno (mezzo vietato di caccia anche per la Suprema Corte di Cassazione) nella caccia al cinghiale, che sarà consentita anche di notte, 365 giorni all’anno. L’ENPA e le associazioni continueranno anche attraverso i propri legali ad intraprendere qualsiasi strada possa fermare tale scempio.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Cornacchia rimasta impigliata in rete di plastica

Salva grazie all’intervento dell’ENPA di MIlano

Ieri pomeriggio una ragazza, passeggiando in un parco di Cernusco sul Naviglio accanto ad una zona industriale, ha sentito degli strani rumori provenire da un’area piena di rifiuti abbandonati. Avvicinandosi incuriosita ha notato un piccolo di cornacchia che si dibatteva nel disperato tentativo di liberarsi da una rete di plastica nella quale era rimasto impigliato con entrambe le zampe.

Così Federica ha chiesto l’intervento dell’ENPA per aiutarla a liberare il povero animale rimasto intrappolato.

 

Una volta sul posto, l’operatore ha pazientemente liberato dal groviglio la piccola cornacchia, che nel frattempo era rimasta sotto lo sguardo vigile della madre che aveva assistito a tutta la scena. Il soccorritore, valutando le condizioni dell’animale, ha ritenuto opportuno verificare che la cornacchia non avesse subito traumi agli arti o alle ali e non ha potuto, purtroppo, lasciarla sul posto portandola presso la clinica.

Capita spesso di liberare animali da vari rifiuti abbandonati, come fili di plastica usati per la chiusura dei sacchi di plastica per la pattumiera o fili di nylon e lenze, di solito abbandonati lungo fiumi e bacini idrici. Un segno di inciviltà che può compromettere la sopravvivenza della fauna, come nel caso del piccolo di cornacchia salvato grazie alla segnalazione di Federica e che altrimenti avrebbe sicuramente fatto una brutta fine. La stessa fortuna avuta dai due cigni soccorsi pochi giorni fa nel canale Muzza.

Tutti questi interventi vengono svolti dall’ENPA in forma gratuita, senza avere convenzioni con gli enti pubblici: sopravviviamo soltanto grazie al sostegno di chi, fortunatamente risponde ai nostri appelli e riesce a comprendere anche gli sforzi economici che dobbiamo affrontare per rispondere alle chiamate dei cittadini.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Nel cortile della parrocchia trovano un piccolo di gheppio caduto dal nido

Un ospite della comunità lo soccorre e lo porta a ENPA Milano

Questo piccolo di gheppio è stato trovato a terra all’interno del cortile della Chiesa dagli ospiti della comunità della Parrocchia di San Nazaro e Gelso della Barona di Milano.

Quando lo hanno visto, sapevano già da quale nido potesse essere caduto, ma erano convinti che si trattasse di un nido di piccioni.

 

“Il nido è sempre stato lì, sopra una delle finestre degli appartamenti al terzo piano della nostra struttura” ha raccontato Xavier, il ragazzo che ha avvistato per primo il piccolo rapace. “Quando ho capito che non era un piccione ho aspettato un po’ prima di raccoglierlo, perché pensavo e speravo che la mamma si avvicinasse e riuscisse a dargli da mangiare. Ma non è andata così e allora mi sono avvicinato piano piano e l’ho preso e messo in una scatola. Ma non sapevamo cosa farne fino a quando non abbiamo trovato ENPA Milano dopo una ricerca su internet e ve lo abbiamo portato. Adesso che sappiamo che è un gheppio osserviamo molto più incuriositi il nido: notiamo che la mamma prima di avvicinarsi al nido controlla la situazione dalla sommità del tetto e che quando vede che è tutto tranquillo va a rifocillare i due piccoli. Ma abbiamo notato che loro sono più grossi di quello caduto in cortile. Secondo me gli altri due lo hanno sbattuto fuori!” racconta Xavier.

In effetti succede spesso che i rapaci depongano un terzo uovo, con ritardo rispetto ai primi due. Una sorta di assicurazione per il successo riproduttivo. Se uno dei fratelli dovesse morire i due superstiti potrebbero cavarsela. Diversamente il più piccolo spesso viene letteralmente buttato fuori dal nido, per non dividere le prede che portano i genitori. Questo comportamento è ben noto agli studiosi che lo hanno definito “la sindrome di Caino”. Proprio in memoria dell’episodio biblico in cui Caino uccise il fratello Abele. Il piccolo è stato fortunato e per adesso sta bene, ed è stato trasferito al CRAS di Vanzago.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Fine settimana impegnativo per ENPA Milano. Ma il Comune non risponde alla richiesta di sostegno economico.

Un airone cenerino in difficoltà in un parco di Milano, 2 anatroccoli senza la madre recuperati in un giardino privato, 1 gattino in fin di vita in un parcheggio condominiale: sono soltanto alcuni degli animali che nell’ultimo fine settimana sono stati trovati in circostanze diverse da alcuni cittadini e che sono stati recuperati e portati presso la sede dell’ENPA di Milano dalle stesse persone che li hanno trovati.

Gesti che denotano una sempre maggior sensibilità verso il mondo degli animali, in costante aumento.

ENPA Milano spesso è costretta a mettere in atto interventi che dovrebbero essere garantiti dagli Enti Pubblici, ma purtroppo spesso questo non avviene perché il soccorso degli animali in difficoltà non viene ancora visto come una priorità. Per questo facciamo tutto il possibile per intervenire e soccorrere. Un’attività dispendiosa in termini di risorse umane e di denaro.

“In questo periodo abbiamo come tanti, moltissime difficoltà a livello economico” dichiara Ermanno Giudici Presidente ENPA Milano. “Anche per questo motivo abbiamo scritto al Sindaco del Comune di Milano e all’Assessore con delega alle Politiche per la tutela e difesa degli animali, oltre che ai Garanti degli animali del comune di Milano, segnalando questa problematicità e chiedendo un sostegno economico. Aspettiamo con ansia la risposta, fino ad oggi non pervenuta, per sapere se il Comune intenda offrirci un supporto. Se dovessimo prendere la decisione di ridurre i nostri servizi, non riuscendo a supportare i costi, ci chiediamo chi si occuperà degli animali in difficoltà e dove i cittadini porteranno gli animali recuperati? Noi faremo il possibile per continuare a lavorare per 15 ore al giorno, durante l’arco di tutto l’anno, ma abbiamo necessità di far quadrare anche i conti.”

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Cigni rimasti legati l’uno all’altro tra loro da un filo da pesca salvi grazie all’intervento di ENPA Milano

Nel tardo pomeriggio di ieri, una coppia di ragazzi in passeggiata lungo il canale della Muzza all’altezza di Paullo, ha notato due cigni uno di fianco all’altro, stranamente fermi e accovacciati sul terreno a bordo del corso d’acqua: i due animali erano costretti in quella posizione perché avevano un filo di nylon verde, da pesca, che li teneva legati uno all’altro, attorcigliandosi anche intorno al loro corpo.

I due ragazzi hanno chiesto immediatamente l’intervento di ENPA di Milano per cercare di liberare i cigni da quella situazione davvero ingarbugliata.

Giunta sul posto, l’operatrice dell’associazione, ha dapprima bloccato i due cigni per evitare che si agitassero troppo e si facessero male. Poi, con l’aiuto di uno dei segnalanti, è riuscita a tagliare il filo che li legava tra loro e anche agli arbusti intorno. Una volta liberati gli animali sono stati portati, per un controllo, presso la clinica veterinaria di ENPA.

Qui i veterinari hanno potuto finalmente liberare i due cigni dal filo che era intorno ad ali e zampe e medicare le ferite che si erano procurati, probabilmente cercando di liberarsi prima di essere soccorsi.

“Capita spesso purtroppo che fili da pesca provochino danni alla fauna presente lungo i canali d’acqua e nei bacini idrici” ha commentato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano. “Questi animali sono fortunati ad essere stati avvistati, tra l’altro, in una zona poco frequentata: diversamente avrebbero potuto fare una brutta fine. Hanno riportato ferite causate dai fili taglienti tali da dover loro somministrare antibiotici. Saranno liberati non appena torneranno ad avere forze ed energie sufficienti.”

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

“La Clinica Veterinaria torna piano piano alla normalità”

“Noi ci siamo sempre stati, abbiamo stretto i denti e anche se con pochi
veterinari e con orari di apertura ridotti, siamo riusciti a garantire i
servizi essenziali e urgenti per gli animali nella nostra Clinica
Veterinaria.

Adesso, sempre nel rispetto delle disposizioni anti-COVID19, stiamo tornando
lentamente alla normalità, abbiamo ricominciato a prendere appuntamenti per
vaccinazioni e per le buone pratiche di prevenzione tipiche di questo periodo.
Siamo aperti di nuovo dalle 9 alle 24 (sabato e domenica dalle 14 alle 22) e per
questo voglio dire un grazie sincero a tutti coloro che hanno avuto la
pazienza di aspettarci.
Voi adesso ricordatevi di noi, dei nostri veterinari, dello staff e dei
nostri volontari, il cuore pulsante della nostra associazione, che ci hanno
consentito di andare avanti nonostante la situazione sanitaria.
Scegliendo di curare i vostri animali presso la nostra Clinica, ci aiuterete
a sostenere le attività di ENPA Milano per tutti gli animali senza padrone.
Solo con il vostro sostegno e l’aiuto concreto che potrete donarci saremo in grado di poterci essere per assistere e soccorrere gli animali che non hanno un proprietario che si occupi di loro.”

Ermanno Giudici

Presidente ENPA Milano

www.clinicaenpami.org

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Nuovo piano di contenimento delle nutrie 2020_2022: “Qualche segnale positivo grazie all’intervento di ENPA Milano!”

La Città Metropolitana ha redatto il piano triennale per il contenimento delle popolazioni di nutria sul territorio milanese, dopo che ENPA Milano aveva più volte richiesto la convocazione del tavolo programmatico su questa problematica, come previsto dalla legge.

ENPA non può condividere i piani di abbattimento delle nutrie perché oramai, a distanza di decenni, si può affermare con certezza che, non soltanto non contribuiscano a contrarre la presenza e l’espansione della specie, ma bensì l’esatto contrario. Dando luogo anche a una serie di estensioni e abusi, rispetto al dettato normativo, che richiedevano quantomeno di essere corretti.

“Fatta questa doverosa premessa, dobbiamo dare atto del recepimento da parte della Città Metropolitana dei suggerimenti apportati da parte di ENPA Milano al ‘Tavolo di coordinamento metropolitano’ e di cui si è tenuto conto nella stesura di questo documento” ha commentato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano. “Sono in via principale richieste di interventi sull’ambiente fortemente voluti dalla nostra associazione e che sono stati indicati nel piano triennale, sperando che possano essere realmente attuati, in una strategia di lungo periodo che aumenti la resilienza ambientale, per contrastare l’espansione piuttosto che inutili abbattimenti. Per questo appare importante che siano state indicate come misure importanti le seguenti attività:

  • creare fasce di rispetto lungo i corsi d’acqua, evitando di spingere le colture fino a ridosso dei corsi (la nutria sembra sfruttare una fascia ristretta attorno ai corsi d’acqua, non allontanandosi troppo da questi);
  • prevedere e/o modificare le inclinazioni dei pendii e quelli degli argini, al fine di rendere l’ambiente circostante sfavorevole allo scavo di tane da parte di animali, ovviamente compatibilmente con i vincoli ambientali e paesaggistici di riferimento.”

“Altro argomento di grande contrasto al piano triennale inizialmente proposto” continua Ermanno Giudici “era la necessità di limitare l’operatività nell’attività di abbattimento delle nutrie esclusivamente a specifiche figure abilitate.

Nel piano approvato l’intervento per il contenimento è consentito solo in capo a queste figure:

  • gli Agenti Provinciali;
  • gli Agenti di Polizia Locale con licenza per l’esercizio venatorio;
  • le Guardie Forestali;
  • i proprietari o conduttori di fondi agricoli, sui quali si attuano i piani medesimi, in possesso di porto d’armi ad uso venatorio e con copertura assicurativa in corso di validità.

In un recente passato ENPA Milano aveva realizzato opuscoli informativi atti a diffondere una cultura di conoscenza e rispetto nei confronti di questo animale, per informare le diverse categorie e con differenti tipologie di contenuti. Anche per sfatare il dato di una supposta pericolosità sanitaria derivante dalla nutria che non trova alcun riscontro nella letteratura scientifica.

Il nuovo piano ha accolto le osservazioni di ENPA, mirate almeno a ottenere il puntuale rispetto della normativa. Forse per la prima volta in Italia si può parlare di una programmazione sulla quale ENPA non concorda, ma che almeno è pienamente all’interno del quadro delle leggi che regolano questa materia. Sperando che arrivi un tempo in cui si capisca che la gestione faunistica fatta a fucilate non ha portato mai risultati concreti.”

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Iscriviti alla Newsletter

Cerca