Category Archives: News

  • -
scelta 8

7 e 8 ottobre: Giornata degli animali

Domani, sabato 7 e domenica 8 ottobre venite a trovarci a Milano in Corso Vercelli (all’angolo tra via Cimarosa e via Giovio), in Corso Vittorio Emanuele all’angolo con piazza San Babila oppure in Largo La Foppa, piazzetta Vergani.

In cambio di una offerta minima di 5 euro riceverete in omaggio il nuovo portachiavi dell’ENPA.

Ma non solo, potrete sostenere le attività istituzionali dell’ENPA di Milano scegliendo anche tra altri bellissimi gadget presenti agli stand.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
RECUPERO DA PARTE DEI VIGILI DEL FUOCO E ENPA DI UNA VOLPE RINTANATA SULLA SPONDA DEL NAVIGLIO MARTESANA

Volpe in Martesana salva grazie a VVF e ENPA Milano

È stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco e dei soccorritori di ENPA Milano per salvare la volpe che questa mattina è stata avvistata da alcuni passanti a Vimodrone, ferma immobile in una fenditura creatasi lungo le sponde del Naviglio Martesana.

 

Vista la posizione e la particolare situazione in cui si trovava l’ipotesi è che l’animale possa essere dapprima caduto in acqua e, successivamente, sia riuscito a risalire la sponda del Naviglio grazie alla fenditura creatasi in un pezzo dell’argine: un piccolo tratto che le ha salvato la vita.

Senza l’intervento del nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco e degli operatori di ENPA Milano, la volpe non avrebbe potuto in alcun modo risalire gli argini, se non tuffandosi nuovamente in acqua dovendo sperare di trovare una sponda più bassa lungo il Naviglio da cui risalire a terra.

“Alcune volte gli animali selvatici si trovano in grosse difficoltà a causa di situazioni impreviste, come una sponda troppo scivolosa o cedevole oppure, cosa da non escludere, perché inseguiti dai cani dei cacciatori” ha dichiarato Ermanno Giudici, Presidente di ENPA Milano “Sembra che qualcuno avesse visto la volpe in quella posizione già da ieri, pensando che la volpe non fosse in reale pericolo, ma non è così specie in un canale dalle sponde verticali di cemento. Grazie all’attenzione invece di cittadini più attenti questa mattina siamo riusciti ad intervenire e trarre in salvo la volpe”.

Una volta catturata, la volpe è stata trasferita al CRAS di Vanzago per accertamenti.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
IMG_9823

I fantastici 4!

Category : News

Durante questa estate, questi splendidi cuccioli che oggi hanno circa 3/4 mesi, sono stati soccorsi e curati dai nostri operatori e dai nostri veterinari.

4 gatti con 4 storie diverse alle spalle.

 

Adesso stanno tutti bene e sono ormai praticamente pronti per l’adozione!

Tra pochissimi giorni li troverete sul nostro sito, sotto la pagina “Gatti da adottare”.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
cincilla 6

Pensavano fosse uno scoiattolo e invece era un cincillà

Category : News

Quando alcuni passanti lo hanno visto aggirarsi pericolosamente per via Imbonati a Milano hanno pensato che fosse uno scoiattolo e, per evitargli una brutta fine, lo hanno catturato e consegnato in una scatola agli agenti della Polizia Locale.

Soltanto quando è stato affidato successivamente a ENPA Milano, presso la sede di via Gassendi 11, gli operatori si sono accorti che in realtà questo piccolo roditore non era uno scoiattolo bensì un cincillà, un animale originario dell’America Latina e più precisamente della zona delle Ande. Il cincillà ha purtroppo la particolarità di somigliare a un piccolo peluche ed è diventato, suo malgrado, un oggetto del desiderio di molti bambini quando viene visto in vetrina in vendita nei negozi di animali.

Però in verità questo roditore non è molto socievole e quindi spesso, dopo averlo acquistato, ci si accorge che quello che si sperava potesse diventare un simpatico giocattolo da compagnia per i propri figli, diventa invece un animale impegnativo e “ingombrante”.

Così rischia di essere abbandonato in strada, come probabilmente è successo a lui salvo che non sia stato smarrito da un proprietario distratto. Se interessati all’adozione, scrivete a adozioni@enpamilano.org

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
gatto 1

Gatto cieco e anziano salvo grazie a ENPA e Vigili del Fuoco

Category : News

Domenica scorsa grazie all’intervento dei soccorritori di ENPA Milano e dei Vigili del Fuoco, è stato recuperato questo gatto anziano e cieco, all’interno di una casa di corte disabitata e pericolante a Parabiago.

Secondo il racconto della segnalante che domenica ha chiesto telefonicamente l’intervento dei volontari di ENPA, la presenza del gatto era già stata avvertita da almeno un paio di giorni in quanto sentivano dei forti miagolii provenire proprio dall’interno della abitazione.

 

Una volta sul posto, gli operatori hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco per poter entrare nella casa dato lo stato fatiscente dello stabile e avendo accertato la presenza dell’animale che si sentiva ancora miagolare.

Il gatto, palesemente spaventato durante le fasi di recupero non avendo la possibilità di capire cosa stesse succedendo intorno a lui essendo appunto cieco, è stato trasferito presso la clinica ENPA di Milano dove è tenuto al momento sotto osservazione da parte dei medici veterinari.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
caccia

Siccità e incendi. Dal Governo un assorda​nte silenzio sullo stop alla caccia​.

Voltate le spalle alla tutela della natura.​ Valutiamo azioni.

«Prendiamo atto con estremo rammarico che il governo Gentiloni è rimasto del tutto sordo ai nostri appelli e alle sollecitazioni di tantissimi italiani. Insieme chiedevamo e continuiamo a chiedere lo stop all’apertura – persino anticipata – della caccia, una pratica barbara che quest’anno è ancora più crudele e dannosa perché infierisce su popolazioni animali già decimate da incendi e siccità, mentre fondamentali aree di sosta per la vita e la riproduzione dei migratori sono state distrutte». Lo dichiarano, alla vigilia degli spari, le associazioni Enpa, Lac, Lav e Lipu alla vigilia della preapertura della stagione venatoria  2017/18, che prende il via da domani 2 settembre.

«Il comportamento del governo italiano – proseguono le associazioni – rappresenta una  netta violazione dei principi che le norme internazionali e nazionali pongono a tutela della fauna selvatica e risulta davvero incomprensibile, a fronte di una situazione ambientale che mai, negli ultimi anni, è stata tanto grave. E’ come se il governo avesse letteralmente dimenticato la fauna selvatica, le avesse voltato le spalle, quasi non dovesse essere, a norma di Costituzione e a norma di Legge, anche e soprattutto una sua preoccupazione. Né è servito un parere dell’Ispra che, pur giunto in ritardo, ha delineato un quadro ambientale molto preoccupante e avanzato precise richieste di intervento».

«A fronte di tutto questo, stiamo già facendo le nostre valutazioni anche studiando le azioni opportune, perché il problema della totale “sparizione” della natura dalle preoccupazioni del Governo italiano sia finalmente affrontato».

– dal sito www.enpa.it

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
foto

A causa della siccità e degli incendi ENPA, LAC, LAV e LIPU chiedono provvedimento per bloccare stagione venatoria.

CACCIA, DA ISPRA RICHIESTA DI INTERVENTI IMMEDIATI PER INCENDI E SICCITÀ. STRESS, CARENZA DI RISORSE ALIMENTARI E DISPENDIO DI ENERGIE ALLA RICERCA DI ACQUA SONO, PER ISPRA, ALCUNE DELLE CONSEGUENZE PER LA FAUNA SELVATICA.

LE ASSOCIAZIONI: “ORA IL GOVERNO HA TUTTI GLI ELEMENTI PER INTERVENIRE CON UN PROVVEDIMENTO URGENTE CHE CANCELLI LA STAGIONE VENATORIA”.

“Un provvedimento urgente che blocchi la stagione venatoria 2017/2018 e permetta alla fauna e al territorio di ristorarsi, dopo l’interminabile fase di siccità e incendi che ha colpito, e ancora colpisce, l’intero territorio italiano”.

Infatti, secondo l’ISPRA, l’ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, i dati meteoclimatici indicano che l’anno in corso è stato caratterizzato da una situazione decisamente critica, con temperature massime molto elevate e lunghi periodi di siccità, che ha determinato in tutta Italia un grave stress in molti ecosistemi ed è stata aggravata sia dall’impressionante numero di incendi sia dalla superficie percorsa dal fuoco (+260% rispetto alla media del decennio precedente; dati European Forest Fire Information System – EFFIS).

incendi-animali

Ciò comporta, secondo Ispra, “una condizione di rischio per la conservazione della fauna in ampi settori del territorio nazionale, con conseguenze, nel breve e nel medio periodo, sulla dinamica di popolazione di molte specie” (anche a causa del “maggior dispendio energetico per raggiungere le ridotte fonti idriche”), sul successo riproduttivo e sull’aumento della mortalità.

A questo vanno aggiungersi altri fattori, tra cui l’impoverimento della disponibilità alimentare per la fauna (sia per le specie che si nutrono di bacche, semi e insetti, sia per quelle erbivore) e il rischio di fenomeni di anossia per gli ecosistemi acquatici.

Di fronte a un tale quadro, Ispra ha scritto a Governo e regioni chiedendo di mettere in atto numerosi specifici provvedimenti, tra cui il posticipo della caccia nelle zone umide, il divieto di caccia da appostamento, il divieto di addestramento cani, la limitazione dei carnieri per la fauna stanziale e altro ancora.

“Se tuttavia a queste preoccupazioni, espresse da un istituto solitamente molto prudente come Ispra, aggiungiamo la condizione generale della fauna nel nostro Paese, sofferente per ragioni ambientali e costellata di specie minacciate anche globalmente – proseguono Enpa, Lac, lav e Lipu – non può che concludersi ciò che le nostre associazioni chiedono da tempo: la necessità di un’ordinanza urgente del Consiglio dei Ministri che cancelli la stagione venatoria 2017/2018 e permetta agli animali selvatici italiani e al territorio di riprendersi.

“Ci rivolgiamo dunque ancora una volta al Presidente Gentiloni, ai ministri Galletti e Martina e all’intero Governo – concludono – non attendete più, la situazione è grave e richiede azioni responsabili e immediate”.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
Volontario-per-un-giorno (1)

7 e 8 ottobre – “Giornata degli animali” – cerchiamo volontari per un giorno!

Category : News


Sabato 7 e domenica 8 ottobre 2017
 torneranno in piazza i volontari di ENPA Milano in occasione della

Volontario-per-un-giorno (1)Giornata degli Animali”, organizzata dall’Ente Nazionale Protezione Animali a livello nazionale.

ENPA MILANO CERCA VOLONTARI PER PRESIDIARE I PUNTI DI SOLIDARIETÀ.

L’iniziativa, promossa da ENPA in oltre 100 province di Italia, vedrà la Sezione milanese impegnata su circa 4 postazioni di solidarietà distribuite su diverse vie e piazze di Milano.

Questo è l’elenco provvisorio delle piazze di Milano in cui saranno presenti le nostre postazioni di raccolta fondi, sulla base delle possibilità dei volontari che si renderanno disponibili per la copertura delle postazioni.
Una settimana prima dell’evento sarà pubblicato l’elenco definitivo:

  • Corso Garibaldi angolo Statuto
  • Corso Vercelli (Via Giovio ang. Via Cimarosa)
  • Corso Vittorio Emanuele ang San Babila
  • Piazza Castello

Gli interessati possono inviare una mail a iniziative@enpamilano.org entro il 15 settembre con i propri dati (nome, cognome, data di nascita, occupazione) o, preferibilmente, un Curriculum Vitae, specificando la zona di preferenza, un recapito telefonico e gli orari di disponibilità per un colloquio conoscitivo, che si terrà presso la sede ENPA di Via Gassendi 11, Milano.

Seguirà una riunione di preparazione all’evento aperta a tutti i candidati.

Requisiti necessari:

ESSERE SOCIO ENPA (l’iscrizione può avvenire al momento del colloquio, il costo è di € 25 annui)
ESSERE MAGGIORENNE

Per informazioni:

tel. 02.97064252 – iniziative@enpamilano.org

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
lampro 4

Recuperati due serpenti esotici a Milano di oltre 1 metro

Il boa albino è stato riconsegnato al proprietario, si cerca il proprietario del lampropeltis

In seguito a due segnalazioni arrivate ai Vigili del Fuoco, a distanza di pochissimo tempo una dall’altra, questa mattina è stato recuperato un boa albino in via Vergiate a Milano e un lampropeltis, un serpente di origine messicana, in via Ingegnoli sempre a Milano.

Il boa è stato riconsegnato al proprietario nel giro di poco tempo dal momento della cattura, avvenuta nel cortile interno del palazzo.

Il secondo serpente invece era stato già avvistato una quindicina di giorni fa da alcuni cittadini nel cortile interno di un palazzo di via Ingegnoli e la presenza era già stata segnalata senza però che fosse possibile catturarlo.

 

Oggi invece questo piccolo serpente è stato consegnato in tarda mattinata direttamente agli operatori di ENPA Milano presso la sede di via Gassendi 11 e nessuno ne ha ancora reclamato la perdita.

“Con questo comunicato speriamo di riuscire a dare maggiore eco possibile alla notizia nella speranza di riuscire a trovare il proprietario dell’animale” ha dichiarato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano. “Purtroppo per esperienza sono davvero pochi i casi in cui, come per il boa, il serpente viene riconsegnato al proprietario. Spesso questi animali non evadono accidentalmente dalla propria teca ma probabilmente vengono abbandonati.

Il loro ritrovamento diventa in questi casi di difficile gestione perché non esistono centri di recupero per rettili esotici e quando vengono consegnati ad ENPA Milano è sempre difficile trovare un valido adottante.

In alcune circostanze, specie quando non veniamo contattati direttamente a seguito dei ritrovamenti, questi serpenti vengono consegnati a negozi e reimmessi nel commercio di animali, continuando ad alimentare un circolo vizioso che non conosce ancora fine. Ricordiamo che ENPA è contraria all’acquisto di animali e che abbandonare animali è un reato perseguibile penalmente”.

 

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
gatto assago 2

Gattino viaggia nel vano motore per circa 10 km: illeso, soccorso da ENPA Milano, sta bene.

Ieri sera un dipendente di un centro commerciale di Assago, mentre stava ritornando in auto a casa dopo il suo turno di lavoro, arrivato all’altezza di piazzale Miani ha iniziato ad avvertire uno strano cigolio provenire dal vano motore.

Preoccupato che potesse essere la cinghia di distribuzione si è recato a casa e ha chiesto al fratello, ex meccanico, di dare un’occhiata all’auto. Una volta ascoltato il rumore, Antonio, questo il nome del fratello, ha subito capito che in realtà il cigolio che si sentiva non era altro che il miagolio di un gatto nascosto nella parte anteriore dell’auto sopra il passaruota.

 

I due fratelli a quel punto hanno provato a sollevare l’auto con un crick tentando di recuperare il gatto che continuava a miagolare fortissimo ma senza farsi vedere, probabilmente terrorizzato dalla lunga “passeggiata” rumorosa, pericolosa e caldissima nella macchina.

Data la posizione in cui si trovava e la difficoltà di recuperarlo, anche per una certa aggressività dovuta allo spavento, i due fratelli hanno chiesto l’intervento di ENPA Milano, quando ormai era passata la mezzanotte.

Una volta intervenuti sul posto gli operatori hanno circondato con una rete l’auto e hanno recuperato l’animale posizionando una gabbia trappola con dentro del cibo.

“Il momento più emozionante” ha dichiarato il segnalante “è stato quando, prima che arrivassero i volontari dell’ENPA, ci siamo allontanati dall’auto per vedere se il gattino potesse uscire da solo: in quel momento un gatto di una colonia vicino alla nostra abitazione si è avvicinato, attratto dal richiamo del cucciolo, e sembrava come se volesse disperatamente aiutarlo a uscire di lì”.

“Il gatto, nonostante l’incredibile pericolo corso, sta bene” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente di ENPA Milano “soltanto la fortuna e una delle sue 7 vite lo hanno salvato da una brutta fine. Raccomandiamo, anche se non è questo il caso, di spegnere sempre la macchina se si ha l’impressione che ci possa essere un animale nel cofano per evitare di fargli fare una brutta fine”.

 

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca