A chi denunciare un maltrattamento

DENUNCE DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI

Per segnalare il maltrattamento di un animale, è necessario rivolgersi prioritariamente alle forze di polizia che hanno l’obbligo giuridico di intervenire e hanno possibilità di un pronto intervento:

- animale domestico: segnalare a Polizia Locale o Carabinieri

- animale selvatico: segnalare a Polizia della Città Metropolitana, alla Polizia di Stato o ai Carabinieri unità Forestale

Per segnalare situazioni sul territorio di Milano e Provincia che non richiedano un intervento immediato (che purtroppo non siamo in grado di operare con le nostre Guardie Zoofile volontarie), è necessario compilare l’apposito modulo.

La legge punisce chi, per crudeltà o senza necessità:

  • cagiona la morte di un animale;
  • cagiona lesioni ad un animale;
  • sottopone un animale a strazio o sevizie;
  • li sottopone a comportamenti e fatiche insopportabili per le loro caratteristiche etologiche;
  • li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli      stessi;
  • li adopera in giochi, spettacoli o lavori insostenibili per la loro natura, valutata secondo le loro caratteristiche etologiche;
  • somministra agli animali sostanze stupefacenti;
  • promuove o organizza o dirige combattimenti o competizioni non autorizzate tra animali che possono metterne in pericolo l’integrità fisica;
  • abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività;
  • li detiene in condizioni incompatibili con la loro natura.

Ogni cittadino testimone dei reati di cui sopra ha il dovere morale di denunciarli.

LA DENUNCIA DI UN MALTRATTAMENTO

Viene talvolta segnalata dai cittadini la difficoltà di presentare denunce di maltrattamento di animali preso i vari comandi delle forze dell’ordine. In altri casi i cittadini vengono informati che non è di competenza delle forze di polizia ricevere denunce in tal senso, bensì delle associazioni che si occupano di tutela degli animali.

A questo proposito si rammenta che il maltrattamento di animali, sia nelle ipotesi delittuose (Titolo IX bis del Codice Penale – Dei delitti contro il sentimento per gli animali) sia in quella contravvenzionale (articolo 727 del Codice Penale), è un reato e da questo ne consegue che, al pari di quello che avviene per tutti gli altri reati, tutte le forze di polizia (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Carabinieri nucleo Forestale, Polizia Locale e Polizia Metropolitana – ex Provinciale) hanno l’obbligo di ricevere le denunce, accertare le responsabilità e, ove possibile, interrompere il reato.

Non risulta quindi comportamento giustificato, se pur certamente commesso in pochissimi casi, rifiutare di ricevere denunce, esposti o querele per i reati relativi al maltrattamento di animali, spettando soltanto all’Autorità Giudiziaria la decisione sull’avvio dell’azione penale o sull’archiviazione del caso.

Si rammenta a tutti i cittadini che i reati per i quali è possibile sporgere denuncia presso gli organi di polizia sono solo quelli previsti dalle vigenti disposizioni in materia, quindi, in sintesi, quelli che hanno creato sofferenze agli animali o che li costringano a vivere in condizioni di vita che possano essere fonte di sofferenza.

Si invitano pertanto i cittadini, nel rispetto dei loro diritti, a voler presentare denuncia presso le forze dell’ordine ed esclusivamente per i fatti che possano costituire reato, anche al fine di non intralciare inutilmente lo svolgimento delle attività di polizia.

Per approfondire è possibile scaricare lo stralcio della normativa vigente, come rinnovata dalla legge 189/2004, che riassume gli obblighi delle forze dell’ordine e le leggi in vigore concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate.

GUARDIE ZOOFILE

Presso la Sezione è in funzione un Nucleo di Guardie Zoofile che si occupa della prevenzione e della repressione delle infrazioni alle norme poste a tutela degli animali e dei loro diritti.

La competenza delle Guardie Zoofile ENPA è estesa a tutte le leggi e regolamenti in materia di caccia, pesca, maltrattamenti, importazione di animali esotici, macelli e ogni altro settore ove vi sia presenza di animali. Le Guardie Zoofile ENPA sono state le prime a esercitare la loro attività sin dal 1913: attraverso una serie di modifiche legislative oggi il Servizio Nazionale delle Guardie Zoofile rappresenta un punto di riferimento per i cittadini e le amministrazioni. Tutti gli agenti ENPA sono muniti di decreto prefettizio di riconoscimento e hanno, nello specifico settore di riferimento, qualifica di ufficiali e agenti di polizia giudiziaria a seconda delle rispettive attribuzioni.

Il nucleo provinciale di Milano ha svolto indagini di rilievo nazionale, specie per quanto concerne il commercio illegale di cuccioli dai paesi dell’Est Europa e per questo è diventato un punto di riferimento per le forze di polizia.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Print this page

Leave a Reply