Cucciolo di lepre consegnato a ENPA Milano da una dodicenne

  • -

Cucciolo di lepre consegnato a ENPA Milano da una dodicenne

Un cucciolo di lepre di pochissimi giorni, ieri pomeriggio, è stato trovato a Paullo in fin di vita ed è stato consegnato ai nostri operatori… da una ragazzina di soli 12 anni. Siamo sempre grati ai cittadini che ci aiutano nelle operazioni di soccorso degli animali in difficoltà, ma questa volta siamo decisamente rimasti stupiti dalla forza di volontà di questa giovane ragazza.
 
Giulia abita a Paullo e ieri mattina, uscendo di casa, si è accorta di un piccolo corpicino steso a terra di fianco al cancelletto di ingresso. Ha capito subito che si trattava di un leprotto, che era ancora in vita ma sofferente (era sdraiato sul fianco e respirava affannosamente), così si è attivata per trovare informazioni su cosa avrebbe potuto fare per aiutarlo.
 
Dapprima ha coinvolto i compagni di classe, grazie a un gruppo di Whatsapp, che si sono allarmati e hanno iniziato a cercare a loro volta informazioni. Non contenta ha chiamato sua madre, al momento al lavoro, che le ha consigliato di chiamare l’ENPA. La mamma è sempre la mamma! Benché Paullo sia in provincia di Lodi, la sede più vicina è Milano. Giulia ha contattato i nostri operatori che, purtroppo, non sarebbero riusciti a raggiungerla prima di alcune ore, in quanto entrambi gli automezzi di soccorso erano impegnati in altri interventi. Giulia allora non si è scoraggiata e ha chiesto a una vicina di casa di accompagnarla dalla nonna. Un’oretta dopo Giulia, mamma, nonna e leprotto erano nella reception della nostra sede.
 
Il leprotto deve essere rimasto senza cibo per parecchio tempo, era ipotermico e ipoglicemico. In poche ore, nutrito con latte in polvere e miele e riscaldato sopra a un tappetino elettrico, ha recuperato le energie ed è uscito dalla fase critica.
 
È stato seguito per tutta la notte da una volontaria e, nel primo pomeriggio, è stato trasferito al Centro di Recupero per Animali Selvatici di Vanzago, gestito dal WWF, dove sarà svezzato e, al momento opportuno, rimesso in libertà.
Siamo grati a Giulia per il suo gesto di generosità, oltre che alla sua famiglia che le ha insegnato dei valori che sicuramente condividiamo. Ma siamo soprattutto felici di poter vedere tanta sensibilità e intraprendenza in una “bambina di oggi”, che siamo sicuri farà parte di chi si prenderà cura del mondo di domani.

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca