Cuccioli di cane abbandonati a Rho in una scatola, trovati e portati in ENPA da due ragazzi.

  • -
cuccioli cane 1

Cuccioli di cane abbandonati a Rho in una scatola, trovati e portati in ENPA da due ragazzi.

Questi 5 bellissimi cuccioli di cane sono stati trovati ieri sera da due studenti all’interno di uno scatolone lungo un viale del rione Pantanedo di Rho.

Una volta recuperati, i ragazzi hanno messo una bottiglia di acqua calda per cercare di scaldarli e con i mezzi pubblici si sono recati presso la nostra sede ENPA su consiglio di una loro amica. Una volta arrivati presso la clinica, i cuccioli sono stati visitati dai nostri veterinari.

 

 

Stanno tutti bene e la loro età può essere stimata intorno ai 15 giorni.

Saranno trasferiti presto presso un’altra struttura rifugio per tutto il periodo dello svezzamento e successivamente potranno essere adottati.

“Era da un po’ di tempo che non accadeva un episodio simile in Milano” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente ENPA Milano “queste situazioni limite devono però aiutarci a riflettere sul perché la sterilizzazione dei cani e dei gatti è così importante, oltre che per la lotta al randagismo, anche per evitare cucciolate di animali di proprietà.

E al di là di questo ricordiamo che non bisogna mai prendere una decisione simile che poteva avere conseguenze drammatiche per i cagnolini oltre che penali per chi li ha abbandonati.

Ci sono comportamenti più intelligenti e civili da mettere in atto prima di abbandonare degli animali, come contattare strutture che possano consigliare come gestire al meglio la situazione”.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
lampro 4

Recuperati due serpenti esotici a Milano di oltre 1 metro

Il boa albino è stato riconsegnato al proprietario, si cerca il proprietario del lampropeltis

In seguito a due segnalazioni arrivate ai Vigili del Fuoco, a distanza di pochissimo tempo una dall’altra, questa mattina è stato recuperato un boa albino in via Vergiate a Milano e un lampropeltis, un serpente di origine messicana, in via Ingegnoli sempre a Milano.

Il boa è stato riconsegnato al proprietario nel giro di poco tempo dal momento della cattura, avvenuta nel cortile interno del palazzo.

Il secondo serpente invece era stato già avvistato una quindicina di giorni fa da alcuni cittadini nel cortile interno di un palazzo di via Ingegnoli e la presenza era già stata segnalata senza però che fosse possibile catturarlo.

 

Oggi invece questo piccolo serpente è stato consegnato in tarda mattinata direttamente agli operatori di ENPA Milano presso la sede di via Gassendi 11 e nessuno ne ha ancora reclamato la perdita.

“Con questo comunicato speriamo di riuscire a dare maggiore eco possibile alla notizia nella speranza di riuscire a trovare il proprietario dell’animale” ha dichiarato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano. “Purtroppo per esperienza sono davvero pochi i casi in cui, come per il boa, il serpente viene riconsegnato al proprietario. Spesso questi animali non evadono accidentalmente dalla propria teca ma probabilmente vengono abbandonati.

Il loro ritrovamento diventa in questi casi di difficile gestione perché non esistono centri di recupero per rettili esotici e quando vengono consegnati ad ENPA Milano è sempre difficile trovare un valido adottante.

In alcune circostanze, specie quando non veniamo contattati direttamente a seguito dei ritrovamenti, questi serpenti vengono consegnati a negozi e reimmessi nel commercio di animali, continuando ad alimentare un circolo vizioso che non conosce ancora fine. Ricordiamo che ENPA è contraria all’acquisto di animali e che abbandonare animali è un reato perseguibile penalmente”.

 

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
trio

Sabato 1 Luglio “Giornata contro l’abbandono”

Domani sabato 1 luglio dalle ore 10 alle ore 18 i volontari di ENPA Milano ti aspettano per la “Giornata contro l’abbandono” in

Via Andrea Solari – Lato giardini vicino area cani del Parco Don Giussani.

 

Solo venendo al banchetto potrai trovare una sorpresa per i nostri amici a 4 zampe.

Per conoscere altre piazze vicine a Milano CLICCA QUI

Non mancare!

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
gattini-4

Tre gattini lanciati da un’auto in corsa

L’abbandono estivo non smette di mietere vittime, e già di per sé è un fenomeno imperdonabile. Ma quello che è successo ieri sera, a danno di tre gattini di soli 15 giorni, va oltre ogni definizione.

Erano le 23.30 quando alcune persone che si trovavano al chiosco dei panini nei pressi dell’Ikea di Corsico, hanno visto sopraggiungere un’auto, probabilmente un SUV, ad alta velocità. La scena a cui hanno assistito è stata indecifrabile: mentre l’auto affrontava una rotonda freneticamente, tre piccoli fagotti neri venivano lanciati fuori dall’abitacolo. Inizialmente i testimoni pensavano si trattasse di rifiuti, al massimo di pezzi di carrozzeria, pensando che l’autista avesse urtato contro un marciapiede. Poi, in pochi secondi, ad alcuni di essi si è gelato il sangue: dei miagolii sottili provenivano dal luogo in cui avevano visto volare le tre macchie nere. Alcuni ragazzi sono accorsi sul posto e hanno trovato, distanti fra di loro, tre piccoli gattini neri, ancora in vita ma terrorizzati.

Due giovani ragazzi, appena maggiorenni, hanno preso in mano la situazione, hanno raccolto i micini e si sono diretti al primo pronto soccorso veterinario che hanno trovato aperto a mezzanotte. Qui i medici hanno visitato i gattini trovandoli incredibilmente in salute ma, non avendo la possibilità di occuparsene, hanno fornito del latte in polvere e una siringa ai due giovani, in modo da far superare la notte ai gattini. I ragazzi non si sono fatti spaventare dalla grossa responsabilità: si sono presi cura dei piccoli per tutta la notte e questa mattina, alle 9, erano già in sala d’attesa della nostra sede, per incontrare i nostri operatori.

I gattini hanno solo 15 giorni, non hanno ancora finito lo svezzamento ma sono molto energici e di grosse dimensioni, un segno di cuccioli che sono stati allattati dalla mamma e non, come purtroppo siamo spesso abituati, dal latte in polvere. Cosa possa aver portato un essere umano a lanciare dei gattini fuori dal finestrino di un’auto in corsa, purtroppo, non possiamo saperlo. Non possiamo che essere grati a tutti coloro che li hanno soccorsi e che se ne sono presi cura, dimostrando una grande sensibilità e maturità, il nostro lavoro di sensibilizzazione passa anche attraverso questi eroi quotidiani e le loro storie. Quello che non ci è noto è il numero di quanti animali vengono abbandonati senza essere mai trovati, morendo nella solitudine o, peggio ancora, di fronte all’indifferenza delle persone.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
Oche-7

Oche chiuse in auto, sequestrate e consegnate a ENPA Milano

Chi ha chiamato la polizia ha avvisato che all’interno di un’automobile erano presenti due oche che vivevano in quelle condizioni da due giorni: da questo è scaturito l’intervento della Squadra Volante della Polizia di Stato che ha accertato la veridicità del fatto e ha proceduto al sequestro dei due malcapitati animali, in zona via Molise, consegnandoli poi agli operatori di ENPA Milano.

Secondo l’articolo 727 del codice penale, i due animali sono stati abbandonati dal suo legittimo proprietario, identificato successivamente al sopralluogo effettuato dagli agenti di polizia.

Le due oche infatti vivevano all’interno dell’abitacolo della macchina parcheggiata in via Molise e, stando al racconto dei segnalanti, veniva data loro dell’acqua e del cibo dai passanti attraverso le piccole fessure dei finestrini lasciati sufficientemente aperti anche per fare passare aria agli animali.

“Oltre all’abbandono degli animali, è evidente che le condizioni di detenzione indicate sono incompatibili con il loro benessere e che non sia accettabile custodire due oche chiudendole dentro la macchina”, ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente di ENPA Milano, “oltre al fatto che in una macchina, nonostante le giornate non siano ancora così calde, si possono raggiungere molto rapidamente temperature elevate che possono causare la morte in un tempo molto veloce. Fortunatamente la sensibilità dei cittadini e l’immediato intervento della polizia hanno potuto evitare il peggio”.

Al momento le oche sono fortunatamente in buone condizioni di salute.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
gattina-1

Gattina appena nata soccorsa da ENPA Milano, i nostri consigli su come intervenire

Un gattino fa primavera?

Ogni anno, a partire da marzo, vengono consegnati presso la nostra sede numerosi gattini trovati feriti, in pericolo, abbandonati o orfani (ecco perché consigliamo sempre di sterilizzare i nostri gatti).

Questa gattina è stata trovata a pochi giorni di vita in Via Imbriani, di fianco a un cassonetto della spazzatura. Il segnalante ha contattato ENPA Milano, è stata constatata una situazione di pericolo e gli operatori sono subito intervenuti per il soccorso della piccola.

Nel caso di ritrovamento di un gattino appena nato consigliamo di contattare telefonicamente subito ENPA Milano per richiedere una consulenza e verificare la necessità di intervento, seguendo attentamente le istruzioni dell’operatore. Ricordiamo che è bene soccorrere il cucciolo solo se:

– attendendo per alcune ore a distanza, non si avvista la mamma nei dintorni
– il piccolo si trova in una zona poco riparata o in pericolo (in mezzo alla strada, sotto la pioggia, su un marciapiede…)
– è visibilmente ferito o malato

Vogliamo infine sconsigliare a chiunque non abbia specifiche competenze di improvvisarsi in uno svezzamento, in quanto sono veramente molte le variabili che potrebbero incidere sulla buona riuscita e purtroppo, la maggior parte delle volte, una banale mancanza di informazione può portare alla morte del piccolo. Ecco perché consigliamo sempre di rivolgersi ad associazioni come la nostra dove operano dei volontari e staff adeguatamente formati e specializzati.

ATTENZIONE: per segnalare un pericolo chiamare il numero 02.97064220 (o scrivere a info@enpamilano.org nel caso non si trattasse di un’emergenza). Assolutamente sconsigliato usare i social network. Grazie.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
cane abbandonato expo

EXPO, cane abbandonato fuori dai tornelli

L’incoscienza mista a indifferenza sicuramente ha creato problemi a questo cane abbandonato fuori dai tornelli di EXPO 2015: merita senza dubbio un miglior padrone. Non possiamo che augurarci che il posto di Polizia presente a ‪‎EXPO 2015‬ abbia prontamente identificato e denunciato il proprietario per maltrattamento.
Bisogna anche sottolineare, però, che l’ostinazione di EXPO 2015 di non far entrare i visitatori con i propri animali è da ritenersi del tutto incivile, fuori dai tempi, incomprensibile per uno straniero, abituato ad andare ovunque con il suo cane, e non ultimo diseducativa. Gli interventi del ministro della salute Lorenzin in tal senso sono stati tardivi e non hanno convinto il commissario Sala a dare il via libera all’ingresso dei cani dei visitatori.
In questo grande luna-park per adulti si parla tanto di difendere il pianeta, ma ci siamo anche accorti che la maggioranza dei buoni propositi sono destinati a restare tali ed EXPO ha fornito inoltre troppi messaggi contrastanti fra loro. Sugli animali poi è stata una vera disfatta, perché non una parola è stata spesa per la tutela dei loro diritti: nemmeno il più basico, quello di poter seguire all’interno il proprio compagno umano.
Ermanno Giudici
Presidente

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
pitone-4

Pitone, king snake e calotes: gli ultimi arrivi in ENPA Milano

Ieri sera i Vigili del Fuoco sono stati contattati dalla custode del palazzo di via Inama 22 per segnalare la presenza di un serpente all’interno di un buco presente sul muro del condominio. I pompieri, giunti sul posto, hanno pensato inizialmente ad un falso allarme in quanto non riuscivano a intravedere il piccolo rettile nascosto nel pertugio. Dopo le insistenze della signora, i vigili hanno cercato di allargare il foro con una piccola piccozza e hanno potuto verificare effettivamente la sua presenza: un esemplare di king snake o serpente reale, probabilmente scappato o abbandonato. In realtà, dai racconti raccolti parlando con gli inquilini, sembra che già domenica scorsa un’altra persona lo avesse visto aggirarsi in zona, ma poi se ne erano perso le tracce. Soltanto ieri sera un’inquilina del palazzo lo aveva rivisto ed è corsa subito dalla propria custode per avvisarla della sua presenza.

Soltanto poco più di una settimana fa un pitone reale di circa un metro di lunghezza è stato invece catturato da un cittadino di Abbiategrasso lungo il marciapiede sul quale stava camminando: l’animale è stato poi consegnato all’ENPA di Milano, dopo che la persona che lo aveva ritrovato lo aveva custodito per un’intera giornata.

“Al momento tutti e due gli esemplari, insieme a un esemplare di Calotes calotes, un piccolo rettile di provenienza asiatica anche lui abbandonato vicino alla periferia di Milano, sono presso la nostra struttura di Milano in via Gassendi 11” ha dichiarato Ermanno Giudici, Presidente dell’ENPA Milano.

“Come spesso accade nella maggior parte dei casi, questi esemplari potrebbero essere stati abbandonati. Nel frattempo però cerchiamo di capire anche se, attraverso la diffusione di questi comunicati e fotografie, non si riesca invece a risalire al proprietario nell’ipotesi in cui siano scappati dai loro rispettivi terrari. L’ennesimo ritrovamento di un rettile abbandonato dimostra, per l’ennesima volta, che il mercato degli animali esotici non rallenta e non si ferma, nonostante i numerosi appelli in questo senso fatti dalle organizzazioni di protezione degli animali. La loro vendita è purtroppo consentita e tutti i costi derivanti dalla fine di una “convivenza difficile” vengono a pesare su ENPA Milano, che come associazione privata non ha alcun obbligo di occuparsene, se non la sensibilità verso questi poveri animali”.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca