ENPA Milano, i numeri di un anno di soccorso agli animali

  • -

ENPA Milano, i numeri di un anno di soccorso agli animali

Anche nell’anno appena concluso, l’ENPA di Milano ha lasciato il segno riuscendo a soccorrere ben 2559 animali in difficoltà su tutto il territorio di Milano e provincia.

Un successo raggiunto anche grazie a 1766 persone: quelle che si sono recate presso la sede di via Gassendi per consegnare personalmente ai nostri operatori l’animale ferito o in difficoltà trovato sul territorio.

Gli operatori dell’ENPA Milano, nel 2017 sono riusciti ad evadere 554 richieste di intervento diretto con i propri automezzi attrezzati per il soccorso, molto spesso in collaborazione con i Vigili del Fuoco.

Un binomio che negli ultimi periodi si è andato sempre più consolidando, vista anche la difficoltà di “raggiungere” alcuni animali per le difficili situazioni in cui si sono venuti a trovare.

Basta ricordare la volpe rimasta bloccata in una fenditura creatasi lungo le sponde del Naviglio Martesana, intervento che ha visto impegnati gli esperti del Nucleo Sommozzatori dei Vigili del Fuoco oppure la rondine rimasta appesa a 15 metri di altezza, soccorso che ha reso necessario l’intervento dei pompieri appartenenti al nucleo SAF – Speleo Alpino Fluviale.

Andando a leggere il lungo elenco degli animali soccorsi nell’arco dell’intero 2017 si contano ben 6 volpi e 252 rondoni salvati, numeri che vanno bene al di là dei singoli episodi ascesi agli onori della cronaca in quanto particolari. Scorrendo il dettaglio delle specie contenute nel lungo elenco si possono evidenziare moltissimi altri salvataggi: da quello di un boa albino, che si aggirava in un giardino condominiale di uno stabile in via Vergiate, soccorso, recuperato e restituito al proprietario, a quello del pitone reale caduto dal quarto piano di un palazzo di viale Abruzzi e che si è salvato miracolosamente ed è stato riconsegnato anch’esso al proprietario. Si aggiunge a questi serpenti anche un lampropeltis, che per 15 giorni era stato visto aggirarsi nel condominio di via Ingegnoli ma che nessuno era mai riuscito a catturare.

Fortunatamente per questi animali gli episodi hanno avuto un lieto fine, trattandosi di casi di fughe “accidentali” avvenute per distrazione dei proprietari.

A molti degli altri animali soccorsi, come per alcuni che erano presso la struttura già da diverso tempo, gli operatori di ENPA Milano hanno trovato anche una valida adozione e precisamente è successo per 32 gatti, 15 pappagalli, 4 serpenti (tra cui 3 pitoni reali), 1 cincillà, 1 gerbillo e molti altri.

Anche uno degli ormai “famosi” falchi pellegrini del Pirellone rientra tra i soccorsi del 2017, così come quello di un falco pecchiaiolo che a maggio si è letteralmente schiantato contro il vetro della finestra di un balcone all’ottavo piano di un palazzo in piazzale Bacone a Milano.

“Quando a Milano si parla di “pronto soccorso” per animali, il primo nome che viene in mente alla stragrande maggioranza dei cittadini è proprio quello di ENPA, l’associazione più importante e presente sul territorio, che si occupa di questa attività ormai da diversi anni” ha commentato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano.

“Potremmo continuare a riempire pagine e pagine con questi racconti, perché la nostra associazione è diventata un punto di riferimento importantissimo per la richiesta di interventi di soccorso ad animali. Ma ci preme sempre sottolineare che la nostra è soltanto una associazione di volontari, una ONLUS, non una istituzione o un ente pubblico, anche se la parola Ente può essere ingannevole.

Per questo motivo tutti questi episodi e i numeri che compongono un anno di lavoro, devono fare riflettere ancora di più e aiutano a capire la grande mole di attività che riusciamo a svolgere. Con richieste sempre in aumento grazie all’accresciuta sensibilità del pubblico”.

Anche nel 2017 alle attività di soccorso ad animali feriti e in difficoltà svolte dai nostri operatori e dai nostri veterinari, si sono affiancati i controlli svolti dalle nostre Guardie Zoofile volontarie su segnalazioni di presunto maltrattamento da parte dei cittadini.

Numerosi interventi sono stati effettuati sia in città che in provincia di Milano e in seguito a tre di questi controlli le Guardie Zoofile hanno proceduto a porre sotto sequestro tre cani denunciando i rispettivi proprietari per maltrattamento secondo quanto previsto dall’articolo 544 ter del codice penale.

È stato inoltre effettuato un quarto sequestro sempre da parte delle Guardie Zoofile dell’ENPA di Milano e conseguente denuncia contro ignoti per il rinvenimento di un pappagallo cenerino (psittacus erithacus) specie recentemente entrata nell’appendice di massima tutela della Convenzione di Washington.

 

 ELENCO ANIMALI SOCCORSI DA ENPA MILANO NEL 2017

 

Airone 9
Allocco 1
Anatra 43
Beccaccia 13
Balestruccio 7
Balia 3
Ballerina 1
Canarino 7
Cane 28
Capinera 11
Cardellino 3
Cavia 2
Cigno 3
Cincia 51
Civetta 17
Codirosso 8
Colombaccio 42
Coniglio 30
Cornacchia grigia 163
Criceto 1
Fagiano 4
Falco pellegrino 1
Falco pecchiaiolo 1
Fringuello 8
Furetto 2
Gabbiano 15
Gallina 3
Gallinella d’acqua 7
Gallo 1
Gatto 197
Gazza 20
Geco 2
Germano reale 33
Gheppio 31
Ghiro 5
Gufo 4
Lepre 64
Martin pescatore 2
Merlo 254
Nutria 11
Pappagallo agapornis 3
Pappagallo calopsitta 6
Pappagallo inseparabile 5
Pappagallo parrocchetto ondulato 7
Passero 51
Pettirosso 15
Picchio 8
Piccione 804
Pigliamosche 6
Pipistrello 37
Poiana 8
Quaglia 3
Regolo 1
Riccio 97
Rondone 252
Scoiattolo 17
Serpente biacco 11
Serpente boa albino 1
Serpente elaphe guttata 1
Serpente lampropeltis 1
Serpente natrice 6
Serpente pitone reale 1
Storno 6
Svasso minore 1
Tarabuso 1
Tartaruga palustre trachemys 35
Tasso 1
Topo 5
Tordo 4
Tortora 48
Verdone 2
Verzellino 1
Volpe 6
Totale animali soccorsi 2559

 


  • -

Gattini nel tombino salvi grazie a operatori di ENPA Milano

Questa mattina gli operatori di ENPA Milano sono stati avvisati da alcuni abitanti di via Varesina della possibile presenza di gattini in difficoltà all’interno del cortile della scuola abbandonata di via Villapizzone a Milano.

Per poter verificare la situazione è stato necessario un intervento congiunto della squadra di pronto soccorso di ENPA unitamente alla Polizia Locale di Milano. Gli equipaggi una volta entrati nel cortile dell’edificio hanno individuato i miagolii provenire da una “bocca di lupo”.

Effettivamente i tre cuccioli erano sul fondo di un pozzetto cieco profondo almeno un metro collegato alla bocca di lupo nel quale la gatta, pensando potesse essere un posto sicuro, li aveva probabilmente trasportati.

In considerazione delle precipitazioni previste per la giornata di domani, con temporali di forte intensità, che avrebbero potuto determinare l’annegamento dei cuccioli, gli operatori, rimosso il tombino del pozzetto, hanno preferito prelevare i piccoli e portarli presso la clinica ENPA per controllare il loro stato di salute, non sapendo da quanto tempo si trovassero in quella situazione.

“I nostri veterinari hanno riscontrato una forte congiuntivite per due di loro, con raffreddore e ipotermia, nonostante le alte temperature di oggi. Probabilmente la loro condizione senza l’intervento dei nostri operatori si sarebbe potuta aggravare notevolmente” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente di ENPA Milano “Dall’inizio della primavera abbiamo già recuperato circa una cinquantina di cuccioli, alcuni non ce l’hanno fatta a sopravvivere perché troppo piccoli o per il loro cattivo stato di salute già al momento del recupero, altri sono stati dirottati in canile, 12 sono già stati adottati, 10 sono ancora presso la nostra sede in attesa di adozione e 12 sono ancora da svezzare e sono affidati provvisoriamente ai nostri volontari specializzati nell’allattamento di piccoli.

Per questo invitiamo chi volesse adottarne uno, o contribuire al loro mantenimento, a mettersi in contatto con il nostro ufficio adozioni scrivendo a adozioni@enpamilano.org o telefonando per un appuntamento allo 0297064222”.


  • -

Sasha, pitbull dalla storia commovente cerca famiglia

Category : News

Sasha è arrivata in ENPA Milano più di un mese fa. È stata ceduta dalla proprietaria alla associazione dopo la segnalazione di un vicino di casa che la vedeva sempre sul balcone, da sola e spesso senza acqua e riparo. Alla visita dei veterinari le è stato riscontrato un grave stato di denutrizione al punto tale che sono stati fatti ulteriori accertamenti per escludere particolari patologie. Fortunatamente Sasha è sana e sta bene.

Sasha è un pitbull di 11 anni e, nonostante l’età e il brutto periodo ormai passato, dopo pochi giorni di corretta alimentazione, passeggiate e cure da parte della famiglia che l’ha presa temporaneamente in adozione, ha cominciato a riprendere peso e tono muscolare.

È ancora magra ma è riuscita a raggiungere il peso necessario per essere sterilizzata. È una forza della natura, molto socievole con tutte le persone e anche con i bambini.

Sasha è riuscita a legare con i cani della famiglia che la sta ospitando temporaneamente ma, visto il suo vivace carattere, un nuovo inserimento in una famiglia con altri animali potrebbe essere molto impegnativo. Per questa ragione, in fase di affido, saranno valutate le singole situazioni.

Siamo sicuri che con il vostro aiuto possiamo riuscire a trovare a Sasha la giusta famiglia che la accolga e che si prenda cura di lei.
 Chi fosse interessato alla sua adozione deve scrivere a adozioni@enpamilano.org e sarà ricontattato dagli operatori dell’ENPA di Milano.

Grazie per il vostro supporto.

 


I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca