Lavori di potatura e rimozione del verde in periodi di nidificazione. ENPA Milano richiede e ottiene dal Comune sospensione di lavori in quartiere Adriano

  • -

Lavori di potatura e rimozione del verde in periodi di nidificazione. ENPA Milano richiede e ottiene dal Comune sospensione di lavori in quartiere Adriano

Questa mattina ENPA Milano si è nuovamente attivata per ottenere l’immediata interruzione delle operazioni di potatura e rimozione di porzioni di aree verdi presenti nel Quartiere Adriano.

Grazie al tempestivo intervento degli operatori ENPA e della Polizia Locale il Comune ha finalmente disposto, dopo più di un mese di mancate risposte alle precedenti richieste, di rinviare ogni attivitá a settembre, al termine della stagione riproduttiva della fauna.

Dopo i ripetuti appelli pervenuti all’ENPA già a metà maggio scorso da parte di alcuni cittadini, che segnalavano l’inizio dei lavori durante la stagione riproduttiva della fauna, l’associazione aveva inviato nota scritta a mezzo PEC agli assessori di competenza, Maran per il Verde e l’Agricoltura e Guaineri per l’assessorato allo Sport e Qualità della Vita, nonché ai Garanti degli animali del Comune di Milano, per richiedere appunto la sospensione delle attività di abbattimento della vegetazione spontanea.

“Come abbiamo scritto nella lettera inviata al Sindaco di Milano e ai vari settori di competenza, questo tipo di operazioni mettono in pericolo le tante specie faunistiche durante il periodo riproduttivo” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente e Capo Nucleo delle Guardie Zoofile di ENPA Milano” e il disturbo della fauna e/o la distruzione di nidi costituiscono infrazioni a varie normative comunitarie, nazionali, regionali ma anche del comune di Milano. Oltretutto da queste attività potrebbero scaturire anche situazioni di maltrattamento di animali, sanzionate dal codice penale.

Ma ciò nonostante, questa mattina le macchine hanno iniziato la “pulizia” dei terreni dell’area ex Marelli, diventata luogo di vegetazione spontanea e di conseguenza di frequentazione e nidificazione oltre che di cornacchie, anche di fagiani, merli e codirossi.

Risulta difficile pensare che a distanza di quasi un mese e mezzo dalla nostra lettera di richiesta, nessuno dei destinatari in indirizzo ci abbia risposto. Noi rappresentiamo una delle più grandi associazioni animaliste e a tutela dell’ambiente a livello nazionale ma nonostante questo e nonostante siamo in una città come Milano, questo silenzio da parte delle autorità diventa davvero difficile da gestire”.


I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca