Trasferimenti al CRAS di Vanzago

Trasferimenti al CRAS di Vanzago

Per un po’ di tempo avevamo già assaporato il tepore delle giornate primaverili, ma purtroppo per ora questa fase di bel tempo è terminata ed è stata sostituita da vento forte e qualche grado in meno.

E così da un paio di giorni è iniziato un via vai continuo di animali in difficoltà recuperati e portati dai cittadini nella nostra sede ENPA di Milano.

Nelle foto potete vedere una intera nidiata di cornacchie, un coniglietto selvatico e un riccio pronti per essere trasferiti al CRAS di Vanzago.

 

Nonostante questa fase contingente dovuta alle avverse condizioni atmosferiche, durante la quale effettivamente possono aumentare i casi di quelli davvero in difficoltà, raccomandiamo sempre la massima prudenza nel soccorrere gli animali. A volte non necessitano dell’intervento umano ma sono in grado perfettamente di cavarsela da soli.

Comunque, nel dubbio, prima di intervenire, telefonate, chiedeteci un consiglio o visitate la nostra pagina:

https://www.enpamilano.org/consigli/cosa-fare-in-caso-di/soccorso-selvatici-in-difficolta/soccorso-ai-piccoli-di-specie-selvatica-quando-intervenire-2/


Lettera di ENPA al Comune di Milano per degrado del laghetto del Portello

Per il terzo anno consecutivo, ENPA Milano ha scritto agli assessorati di competenza del Comune di Milano [testo completo della lettera] per denunciare lo stato di degrado dei laghetti presenti al Parco del Portello a Milano diventati sede del rospo smeraldino, anfibio protetto dalla convenzione di Berna sulla salvaguardia della fauna minore.

Già dal 2015 infatti, anno della prima comunicazione pervenuta all’associazione da una cittadina che segnalava la presenza di questa specie, sono stati richiesti al Comune dal nostro ente una serie di interventi per la salvaguardia e la conservazione di questi animali, che hanno trovato il loro habitat naturale in uno specchio d’acqua che, a loro insaputa, in realtà era stato costruito “con finalità di fontana decorativa”.

Ad oggi nonostante i ripetuti solleciti, non solo non sono stati fatti gli interventi richiesti come il posizionamento di apposita cartellonistica che segnalasse la presenza di questa specie protetta ai cittadini rendendoli consapevoli dell’importanza della loro presenza, l’installazione di recinti di protezione per evitare l’ingresso dei cani nello specchio d’acqua e il posizionamento di rampe che consentissero l’uscita dei rospi una volta diventati adulti, ma non sono stati effettuati neanche interventi di manutenzione e di pulizia ordinari.

“Lo stato di degrado dei laghetti del Portello è assolutamente inaccettabile” ha dichiarato Ermanno Giudici Presidente di ENPA Milano “Per questo motivo abbiamo sollecitato in una lettera inviata agli assessori di competenza del Comune di Milano, un intervento immediato visto anche l’avvicinarsi della primavera, periodo di riproduzione del rospo smeraldino. Nella nostra richiesta ci siamo anche resi disponibili per l’ennesima volta a collaborare con le istituzioni per una operazione condivisa ma che possa essere definitiva per la risoluzione del problema”.

 

 


Poiana soccorsa da anziano a Baranzate, recuperata da ENPA Milano

Un anziano, lunedì pomeriggio, ha trovato un esemplare adulto di poiana in una pozza d’acqua nel suo orto, a Baranzate, apparentemente in salute. La poiana sembrava tuttavia disorientata, così l’uomo si è preoccupato di raccoglierla per spostarla in un luogo più asciutto e ha immaginato che avrebbe presto preso il volo.

Ieri mattina, tuttavia, si è accorto che la poiana era ancora nel suo orto, probabilmente non se n’era mai andata via. Questa volta era infastidita da alcune cornacchie, così, vedendo che non era particolarmente reattiva, l’ha raccolta e l’ha portata in casa. L’uomo ha comprato appositamente della carne trita da somministrare al rapace, che ha mangiato vigorosamente, dopodiché ha contattato la nostra Sezione per chiedere l’intervento dei nostri operatori.

Il rapace, evidentemente, deve essere rimasto senza cibo per diverso tempo e, complice il maltempo dei giorni scorsi, era probabilmente rimasto senza le energie necessarie per cacciare e per difendersi dalle cornacchie.

Una volta portata in sede da una nostra operatrice, la poiana è stata visitata dai nostri veterinari ed è stata trovata solamente un po’ indebolita, ma fortunatamente senza ferite. Il lavoro svolto dall’uomo che l’ha soccorsa nell’orto è stato fondamentale per restituirle energie.

Rimarrà presso la nostra sede fino a oggi pomeriggio, quando sarà trasferita al Centro per il Recupero di Animali Selvatici di Vanzago e sarà successivamente rimessa in libertà.


Cucciolo di coniglio selvatico nella colla per topi, salvato da ENPA Milano

Un cucciolo di coniglio selvatico è stato appena soccorso dopo essere rimasto invischiato in una trappola con colla per topi.

Questo cucciolo è stato trovato oggi pomeriggio nell’area dei box di un condominio in zona Porta Genova. Un uomo, nei giorni scorsi, aveva presunto ci fossero dei topi nei box del suo condominio, probabilmente dopo aver trovato le feci dell’animale. Conseguentemente ha preparato una trappola a colla per topi nella quale, però, è rimasto invischiato il cucciolo di coniglio. Trovato oggi pomeriggio, l’uomo è riuscito a liberarlo e a portarlo immediatamente presso la nostra sede. I nostri veterinari hanno eliminato buona parte della colla massaggiandolo con della cenere. Il cucciolo è molto stressato e spaventato, ma fortunatamente la salute sembra essere buona. Domani mattina sarà consegnato al Centro Recupero Animali Selvatici di Vanzago per proseguire il recupero.

Un anno fa è capitato il medesimo incidente a un gufo che, per essere liberato, purtroppo, ha dovuto subire il taglio di alcune penne.

ENPA ribadisce la sua contrarietà alla commercializzazione di colla per topi. Le trappole a colla sono un pericolo per la fauna selvatica ovunque, anche in piena città, e causano agli animali catturati una morte lenta e dolorosa: un modo assolutamente crudele — e non selettivo — di uccidere i topi, animali in grado di provare dolore ed emozioni esattamente come questo cucciolo di coniglio. Raccomandiamo alle persone di non utilizzare queste trappole.


I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca