Cuccioli di ghiro trovati in giardino, consegnati a ENPA Milano

Cuccioli di ghiro trovati in giardino, consegnati a ENPA Milano

Questi sei cuccioli di ghiro, di pochissimi giorni di vita, sono stati trovati nel giardino di un’abitazione a Varallo Sesia, in provincia di Vercelli, grazie anche alla curiosità di un cane che, dopo aver scovato i corpicini, ha attirato l’attenzione della sua proprietaria.

Sul ballatoio e nel prato di casa la donna ha quindi trovato 6 piccoli ghiri ancora vivi che, molto probabilmente, erano caduti da una tana scavata nel sottotetto dell’abitazione. Non trovando tracce della mamma, la donna li ha raccolti e li ha portati in casa. Essendo sera ha avuto difficoltà a trovare informazioni corrette su un centro a cui affidare i piccoli selvatici appena rinvenuti pertanto, dopo alcune ricerche, si è messa in auto per consegnare i cuccioli direttamente alla sede ENPA di Milano, aperta fino a mezzanotte per il ritiro di animali in difficoltà.

Nonostante i ghiri non fossero stati rinvenuti nel territorio di competenza della nostra sede, i nostri volontari non hanno esitato ad accoglierli e li hanno subito fatti visitare dai veterinari in turno. I piccoli sono stati trovati in salute e reattivi, sono stati nutriti con del latte in polvere e, questa mattina, sono stati trasferiti al CRAS di Vanzago, dove saranno seguiti nella crescita fino a quando diventeranno autonomi e potranno essere rimessi in libertà.


Ghiro soccorso nell’area box di un condominio a Cusago

Questo piccolo roditore non è altro che un esemplare adulto di ghiro che è stato trovato all’interno dell’area box di un condominio a Cusago.

Una donna, questa mattina, scendendo nel seminterrato del suo palazzo ha notato un piccolo roditore accasciato a ridosso di un muro: nonostante non avesse ancora capito di che animale si trattasse, le fu subito chiaro che l’area box di un condominio non potesse essere un luogo adatto per il riposo di un animale selvatico.

Preoccupata per la situazione ha chiesto una consulenza ai nostri operatori, che le hanno confermato l’anomalia della situazione: il ghiro è un animale notturno che, durante il giorno, si riposa all’interno di anfratti, cavità di alberi o nidi. Sotto indicazioni del nostro operatore la donna è riuscita ad avvicinarsi, raccogliere il ghiro e metterlo in una scatola. L’animale ha dimostrato naturalmente paura ma non ha provato a fuggire — un altro sintomo di una situazione non ottimale. Nonostante questo, la donna è riuscita ugualmente a nutrirlo con una mela nell’attesa del nostro arrivo.

Dopo essere stato portato presso la nostra Clinica, il ghiro è stato visitato dai veterinari che l’hanno trovato in salute ma abbastanza disorientato, una condizione che non poteva dipendere solamente dal fatto che si trattasse di un animale notturno sveglio in pieno giorno. È probabile quindi che l’animale sia caduto da un muretto che separa la strada dal seminterrato in cui è stato trovato, o che abbia preso qualche colpo fuggendo da un predatore.

Il ghiro, in ogni caso, è stato rifocillato, rimarrà ricoverato presso la nostra sede per qualche giorno e sarà trasferito al Centro Recupero Animali Selvatici di Vanzago, per essere successivamente liberato in natura.


I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca