ENPA Milano sfida con un sondaggio i prossimi candidati sindaco

ENPA Milano sfida con un sondaggio i prossimi candidati sindaco

A distanza di 12 giorni dalle prossime elezioni del Sindaco di Milano, la Sezione meneghina di ENPA raccoglie e rende pubblici i dati del proprio sondaggio lanciato attraverso i social per verificare il livello di attenzione che i cittadini milanesi hanno nei confronti del tema sugli animali.

L’indagine ha voluto porre l’interesse sostanzialmente su 3 argomenti: quanto siano importanti i temi della salvaguardia dell’ambiente e degli animali per gli elettori e quanto questo influirà sulla scelta dei propri voti, il livello di interesse sul tema dell’educazione sui diritti degli animali e conseguentemente, terzo e ultimo tema, la protezione, il soccorso e la cura degli animali sia selvatici che di compagnia.

Alla domanda “Pensi che Milano sia una città amichevole per gli animali” ben il 37% degli intervistati ha risposto “Poco”, dimostrando che la percezione dei milanesi sia quella di vivere in una città non proprio “animal friendly”, per le ancora troppe limitazioni nell’accoglienza degli animali nei luoghi aperti al pubblico, in alberghi e pubblici esercizi.

Il campione intervistato ritiene molto importante che l’amministrazione si occupi fattivamente di animali e ambiente: questo denota un grande interesse e maturità della cittadinanza, come conferma il dato che mostra un 80% dei milanesi molto interessati al destino delle aree oggetto di riqualificazione, come ad esempio l’area de “La Goccia – ex gasometri” e alcuni scali ferroviari, che gli intervistati ritengono debbano essere trasformate in aree verdi pensate anche quale luogo di sosta e riproduzione della fauna selvatica.

Ma i numeri che devono fare riflettere in assoluto di più rispetto a quanto emerso dai risultati della ricerca sono quelli relativi all’importanza della creazione di un pronto soccorso per animali attivo 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno (92%), oltre alla necessità di mantenere e potenziare maggiormente la “task force” della Polizia Locale che si occupa di tutela degli animali (94%). Per finire si evidenzia un’altra criticità in questi periodi di crisi, relativamente a quanto sia fondamentale rispondere a un problema sociale sempre più emergente e difficile, rappresentato dalle cure veterinarie per gli animali delle persone indigenti, che devono essere sostenute da fondi del Comune (94%).

“Abbiamo lanciato questo sondaggio con l’obiettivo di verificare attraverso la voce dei cittadini quanto sia necessario che questi argomenti facciano parte delle intenzioni dei prossimi candidati alla carica di Sindaco, proprio per l’assenza totale di proposte concrete sottoposte a ENPA Milano dai candidati di tutti gli schieramenti” ha dichiarato Ermanno Giudici, Presidente di ENPA Milano.

“Questo sondaggio rappresenta una chiara indicazione e un’analisi dei desiderata dei cittadini. Ci aspettiamo ora che i candidati alla poltrona di primo cittadino ci mandino un impegno formale sui temi proposti che comunicheremo ai nostri simpatizzanti e sostenitori.”

2016_05_24-Corriere_Strateg

Ermanno Giudici, “Strategia in sei punti per la salvaguardia degli animali”, dal Corriere della Sera di martedì 24 maggio 2016, p. 10.

Evidenziare le criticità ma anche i desideri dei cittadini deve essere un dovere per un’associazione, senza schierarsi mai, solo per rappresentare una voce di proposta, e di protesta quando serve, per chi si propone di amministrare la città. Ogni giorno ENPA Milano riceve richieste di intervento di pronto soccorso per animali feriti o in difficoltà, cura animali di compagnia di persone indigenti, cerca di attivarsi su segnalazioni di presunti maltrattamenti. Per questo riteniamo fondamentale che i candidati sindaco debbano essere attenti a inserire nei propri programmi progetti a favore degli animali e della tutela dell’ambiente, a patto che questa sia una promessa reale e non elettorale, perché ENPA sarà costantemente di pungolo verso tutte le amministrazioni perché prestino sempre maggior attenzione a questi problemi.


  • -

Bisogna naturalizzare le aree abbandonate per creare oasi per gli animali

Milano ha bisogno di tutelare le ultime grandi estensioni verdi che possiede, come la Piazza d’Armi dietro la Caserma Perruchetti, la Goccia, che comprende l’area degli ex gasometri in Bovisa, e gli scali ferroviari che saranno dismessi presto, a cominciare dallo scalo Farini.

Abbiamo bisogno di difendere il suolo, di naturalizzare alcune aree per agevolare l’insediamento della fauna in città e per creare oasi di rifugio sia per gli animali che per i cittadini. Milano è piena di aree costruite abbandonate, di cantieri fermi e non ha certo bisogno di consumare suolo, nel caso fossero necessarie nuove costruzioni.

La nostra sede si sta interessando ai progetti della Goccia, chiedendo al Comune di Milano di fare una valutazione complessiva dell’intera superficie, smettendo di guardare le grandi aree per lotti distinti. Vogliamo essere con i cittadini i protagonisti di un inversione di tendenza, di rispetto dei ruoli ma anche delle scelte di cittadini e associazioni.

Siamo molto contenti che anche all’interno del Consiglio Comunale di Milano si stia sviluppando uno schieramento trasversale che vuol dire basta alla cementificazione del territorio, al consumo di suolo e a pretende una diversa gestione degli spazi verdi.

Associazioni e cittadini, uniti, devono riprendere la voglia di essere componenti attive di Milano e della grande città metropolitana che sarà a breve.

Ermanno Giudici
Presidente ENPA Milano


Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca