Cinghiali. La Lombardia prepara una legge “ammazzatutto”

  • -
vaddiszno-erd

Cinghiali. La Lombardia prepara una legge “ammazzatutto”

Category : News

Il commento di Ermanno Giudici, presidente di ENPA Milano:

“Una pessima legge, basata ancora una volta sulla solita ricetta a base di fucilate, per il contenimento dei cinghiali. Sono 30 anni che dicono e fanno le stesse cose e i cinghiali anziché diminuire aumentano.

Si sa che la Lombardia ha un ottimo rapporto, non con l’ambiente e la fauna, ma con i cacciatori. Questo è proprio un grande regalo fatto ai cacciatori e una grossa presa in giro regalata ai contribuenti. Ma il relatore della legge, Alessandro Sala (lista Maroni) ha affermato che questa nuova legge ha fatto una sintesi delle richieste di agricoltori, cacciatori e ambientalisti. Troppi brindisi tolgono evidentemente lucidità.

ENPA cercherà di fare quanto in suo potere per far impugnare dal Governo quest’ennesima legge che consentirà abbattimenti senza limite, ma anche ripopolamenti (sic). Avete capito proprio bene: i cinghiali sono troppi ma si possono ripopolare”.

 

COMUNICATO STAMPA ENPA NAZIONALE

Enpa: zero prevenzione, multe risibili, e violazioni alla legge 157/92, se passa chiederemo impugnazione.

Roma, 10 luglio 2017 - L’Ente Nazionale Protezione Animali è pronta a mobilitarsi contro la nuova proposta di legge della regione Lombardia, nata con il pretesto di “gestire” il cinghiale ma che si riduce a una serie di liberalizzazioni per una caccia non selettiva che, come prevedibile, sarà attuata 365 giorni l’anno, uccidendo così mamme e piccoli.

“Si tratta di un testo che – ancora una volta – propone solo caccia e spari selvaggi, con grande mortificazione del mondo scientifico e contro una seria gestione faunistica. Al mondo della caccia interessa solo sparare, e non certo diminuire il numero degli ungulati: lo dimostrano oltre 20 anni di abbattimenti che non hanno mai portato ad una risoluzione di un qualsiasi presunto problema di sovrannumero, di qualsiasi specie”.

Secondo l’Enpa, sono numerosi i punti deboli della nuova legge “cinghiali”: anzitutto i pareri dell’ISPRA non sono vincolanti (quindi vengono chiesti per poi essere tranquillamente ignorati), si promuove anche il ripopolamento dei cinghiali nelle aziende faunistico venatorie (da dove poi fuggono) e l’allevamento, anche dei meticci. I metodi ecologici non sono neanche presi in esame – nonostante la loro applicazione sia obbligatoria e prioritaria rispetto a qualsiasi forma di abbattimento, ai sensi dell’art. 19 della legge 157/92. E anche sugli animali feriti, non è chiaro se verranno curati, reinseriti nell’ambiente o semplicemente uccisi.

“Un disegno di legge che premia anche gli abusivi: un allevatore fuori regola pagherà poco più di 100 euro per l’infrazione commessa, una cifra risibile, come risibile è anche il contributo per aiutare gli agricoltori all’applicazione di metodi ecologici: su 300.000 euro l’anno, solo 20.000 saranno impiegate per recinzioni o altro. Ma l’Enpa, che ha da tempo inviato un documento in regione sulle misure da applicare senza ricevere risposta alcuna, avverte: se passasse questa legge, chiederemo al Governo l’impugnazione anche ai sensi della recente sentenza della Corte Costituzionale che con una recente sentenza ha dichiarato incostituzionali  le disposizioni che abilitano le squadre di cacciatori selecontrollori alle operazioni di controllo faunistico.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
Cani enpa

La nuova legge regionale che fa insorgere il web

Oggi in Consiglio: meno obblighi per i canili e aperture facili di negozi. La protesta dei social

La Regione Lombardia, la Commissione Sanità e il progetto di modifica di una parte della legge che riguarda gli animali d’affezione: ingredienti in grado di creare una miscela con un alto potenziale deflagrante. Con scelta infelice e un po’ sciatta la Commissione Sanità decide di dar fuoco alle polveri, cassando da quello che dovrebbe essere il testo della nuova legge una serie di tutele che erano previste dalla norma precedente, facendo fare un balzo all’indietro di decenni ai diritti degli animali d’affezione. Nel nuovo testo sono stati fatti sparire gli obblighi di apertura per i canili convenzionati, la tutela delle colonie feline, i criteri di adozione degli animali ed è stata introdotta la possibilità di aprire un negozio di animali con una semplice dichiarazione di inizio attività, senza preventivo controllo dei requisiti.

Non paghi i commissari hanno anche deciso di modificare la definizione di animale da compagnia, limitando la tutela a quelli che vivono nelle case ma non più in orti e giardini, non sapendo che l’evoluzione giurisprudenziale verso il maltrattamento degli animali è nel frattempo andata ben oltre. Leggi nazionali e giurisprudenza hanno sancito scelte di tutela ben maggiori sui diritti degli animali.

Regione Lombardia è stata l’ultima regione italiana a recepire la legge nazionale (281/1991). La riforma della legge 33/2009 cancella anche una serie di precetti della normativa statale.

Ultima perla di saggezza è stata la decisione di rimandare a un futuro regolamento il compito di trattare gli argomenti non più previsti dalla legge. Ma un regolamento d’attuazione che detti le regole di un vuoto normativo rappresenta una costruzione giuridica davvero ardita, priva anche di tempi certi. L’ipotesi appare tanto illogica da far sì che contro la modifica si siano schierate non solo tutte le associazioni ma anche tantissimi cittadini, informati dal tam tam sui social, che hanno capito molto in fretta che la Lombardia stava rischiando di approvare una legge scellerata. Così anche la politica, non solo regionale, si è accorta del guaio che il progetto di legge, che proprio oggi è in aula per la discussione, avrebbe causato e ha deciso di correre ai ripari.

33 è il numero della legge del 2009, che è oggetto di revisione e cioè il “Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità”, al cui interno c’erano anche le norme di tutela degli animali.

A questo punto si può sperare che il frutto di questo capovolgimento di fronte sia davvero ragionevole e innovativo e che aumenti e non privi gli animali dei pochi diritti che hanno. Repentini cambi di idea hanno portato quasi tutti i partiti, anche quelli che in commissione si erano astenuti o avevano votato a favore, a mutare radicalmente posizione, impegnandosi a emendare il testo del progetto di legge. Se sarà una vittoria per gli animali lo vedremo nei prossimi giorni; unica certezza per ora è che abbiano vinto cittadini e associazioni, riuscendo a costringere la Regione a fare dietro front, ammettendo che il testo licenziato in commissione era una vera mostruosità. Nelle commissioni ci dovrebbero essere dei tecnici e avrebbero dovuto tener presenti anche le richieste che le varie componenti, associazioni comprese, han sempre fatto.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
nutria

Ermanno Giudici, i piani di eradicazione nutrie sono inefficaci

La Regione Lombardia procede con il piano di contenimento ed eradicazione delle nutrie, destinando 150 mila euro all’operazione. L’assessore all’Agricoltura Gianni Fava sostiene che l’animale provochi danni all’agricoltura e sia necessario eradicare l’animale per ragioni di sicurezza stradale e salute pubblica, oltre «al rischio idrogeologico derivato dalle trivellazioni degli argini». Dall’altra parte esiste invece una popolazione affezionata agli animali — in Via Selvanesco una gattara porta alle nutrie il cibo che una volta destinava a una colonia felina, in Martesana ogni mercoledì una donna porta verdure alle nutrie del canale — mentre associazioni ambientaliste e animaliste spiegano di chi è la vera responsabilità della proliferazione di questi animali.

«Il contenimento della specie non è più possibile, sono fuori controllo. Noi diciamo alle istituzioni che è colpa loro perché non si è vigilato sugli allevamenti quando furono aperte le gabbie e gli animali rilasciati in libertà. Ora siamo di fronte a uno squilibrio eco-sistemico che va affrontato».

Paola Brambilla, Presidente WWF Lombardia – da “In aumento le nutrie sul Naviglio, «Un pericolo». «No, difendiamole»“, Corriere della Sera, 15 febbraio 2016

Sulla questione è stata chiesta l’opinione di Ermanno Giudici, Presidente di ENPA Milano, che spiega l’inutilità dei piani di eradicazione e di come esistano degli studi che dimostrano la loro inefficacia.

«Ogni ambiente sopporta un certo numero di specie. Le nutrie sono animali intelligenti, se non avessero la coda e un aspetto di grande topo, la gente si intenerirebbe». Quanto a chi le nutre, non è detto che «ciò addirittura porti gli animali divenuti stanziali a difendere il loro territorio impedendo ad altri di entrare. L’ambiente è più intelligente dell’uomo». Sono in molti, tra gli ambientalisti, a sostenere che le nutrie non potranno mai essere eradicate dal territorio per via della loro diffusione rilevante e del perfetto adattamento all’ambiente. «È provato da dati di fatto ma anche da studi che le operazioni di abbattimento, i cosiddetti piani di controllo, nell’immediato portano all’incremento della popolazione a causa della momentanea assenza di soggetti che difendono il territorio — aggiunge Giudici —. Unico vantaggio, fittizio, dei piani è quello di dare alla gente e elle categorie professionali come gli agricoltori l’idea che qualcosa si stia facendo per arginare un fenomeno che trova la sua reale e naturale limitazione nella portanza ambientale del territorio, che funge da calmiere come per tutte le altre specie. Le nutrie non sono pericolose per l’uomo e non lo sono neanche per l’ambiente, non creando squilibri».

da “In aumento le nutrie sul Naviglio, «Un pericolo». «No, difendiamole»“, Corriere della Sera, 15 febbraio 2016

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
1320695450IMG_0322-germano-

Guerra ai botti, ora serve un’ordinanza anticaccia

Domenica un cacciatore ha ferito a morte un germano reale che è caduto nel canile

Dal “Corriere della Sera” di martedì 2 febbraio, La città degli animali, p. 10

 

In tutte le zone agricole di Milano, se non ci sono vincoli si può cacciare. È infatti consentita nei terreni privati senza il consenso del proprietario, tranne che in oasi, riserve, parchi pubblici.

La scorsa domenica coincideva anche con essere l’ultimo giorno di caccia, costato la vita a un germano reale caduto ferito all’interno del perimetro del canile comunale di Milano, in via Aquila, gettando nello scompiglio gli operatori presenti, già allarmati dal fatto che la caduta dell’anatra fosse stata preceduta da diverse scariche di fucileria. Dopo aver inutilmente soccorso il germano ferito, hanno pensato a un episodio di bracconaggio, a qualche sconsiderato che cacciava in città proprio a due passi dal parco Forlanini e da un centro sportivo, sicuramente in modo illegale. Per questo hanno deciso di chiamare le autorità, senza sapere che, purtroppo, anche se può sembrare stupefacente, la caccia è consentita all’interno della città di Milano, purché si rispettino le distanze da abitazioni, luoghi di lavoro, strade e non ci si trovi in parchi e giardini. Così un ignoto cacciatore domenica mattina ha imbracciato il suo fucile in una piccolissima area agricola, costretta fra la via Corelli e la tangenziale, decidendo di tirare le ultime fucilate della stagione, probabilmente senza rendersi conto dell’assurdità di praticare, seppur lecitamente, l’attività venatoria dentro i confini della città. Né ha pensato di essere ridicolo, almeno quanto lo sono quelle persone che girano per la città su enormi fuoristrada, vestiti da Indiana Jones. È evidente che qualcosa non funziona in una legge sulla caccia che consenta di tirare fucilate a destra e a manca in aree cittadine, con tutti i pericoli del caso, e questo rafforza la convinzione sul rapporto, malato, che esiste fra cacciatori e politica, con uno strapotere dei primi sulla seconda. Un potere così forte da arrivare a permettere che sia lecito andare a caccia dentro i confini di una città, sotto i ponti della tangenziale, con una serie di rischi davvero rilevanti per l’incolumità dei cittadini.

5o i metri di distanza da una strada da tenere per sparare; per le case la distanza deve essere di 150 metri. La legge nazionale di riferimento sulla caccia è la 157/92.

Cosa avrebbe potuto accadere se l’anatra, anziché andare a morire dentro il canile comunale, si fosse schiantata sul parabrezza di un’auto o peggio avesse colpito un motociclista, per il divertimento di una persona autorizzata a sparare in piena Milano. Gli animali hanno capito da tempo che le città sono luoghi più sicuri delle campagne, specie durante la stagione di caccia: per questo può accadere, per paradosso, che ci sia una densità maggiore di fauna proprio in città rispetto alle zone agricole e forestali e che qualcuno possa pensare di andare a caccia in un fazzoletto di terra cittadino, smentendo come spesso accade la teoria che rappresenta i cacciatori come custodi del territorio e dell’ambiente.

Senza possibilità di intervento del Comune, la competenza sulla caccia è regionale, salvo il potere di emettere un’ordinanza per garantire l’incolumità dei cittadini. Per quest’anno i fucili vanno appesi al chiodo, naturalmente solo fino al prossimo anno, speriamo con norme molto più responsabili.

Ermanno Giudici
Presidente ENPA Milano

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
Riciclo 13 apr_3

Regione Lombardia: giro di vite sugli stand benefici

Fiori, bonsai, e altro ancora. “Troppe iniziative” e spesso a due passi dai negozi: la Regione Lombardia impone nuove regole, ma insorgono le opposizioni.

(da un articolo di Repubblica.it)

Forse bisognerebbe fare un corso per corrispondenza agli amministratori pubblici, che ancora non si sono resi conto che il welfare e l’assistenza in Italia sono efficaci e vivi grazie al volontariato, che non costa ma eroga servizi grazie ai fondi che raccoglie. Parlare di concorrenza sleale e di tutela dei negozianti sembra veramente paradossale, così come credere che se uno dei nostri stand benefici, in cambio di un’offerta, propone una t-shirt questo possa essere visto come turbativa del libero commercio.

Si possono condividere o meno gli scopi delle raccolte pubbliche di offerte, ma è il cittadino a scegliere chi aiutare liberamente: cercare di limitare queste fonti di introito per le associazioni è veramente contro il buon senso.

Diverso è il discorso sulla verifica della conformità alle disposizioni legislative delle associazioni, delle organizzazioni che troppo spesso sono fasulle, non operano sul territorio ma drenano soldi ai cittadini convinti di fare del bene. Ci vogliono maggiori controlli, ma non si vada a colpire l’associazionismo serio, quello che cerca di supplire con l’aiuto dei privati alle carenze degli enti pubblici, secondo quei concetti di prossimità e trasversalità che sono inseriti nella nostra Costituzione.

La nostra sezione non riceve contributi pubblici, svolge un grande lavoro di salvaguardia degli animali sul territorio di Milano e Provincia vivendo solo dei contributi e delle erogazioni liberali dei cittadini. Se in futuro anche queste entrate, già falcidiate dai morsi della crisi, verranno a mancare i cittadini dovranno ottenere dalla Regione Lombardia e dai Comuni quelle prestazioni sugli animali che già avrebbero dovuto erogare da anni, ma che in buona parte, in tantissimi settori dell’assistenza, sono effettuate grazie a volontari e associazioni.

Ermanno Giudici
Presidente

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

  • -
caccia-set

Legge della Regione Lombardia 20/2015: via libera al bracconaggio

La Regione Lombardia ha emanato una legge, la 20/2015, che prevede il rilascio gratuito della licenza di caccia per il primo anno a tutti, compresi quanti l’hanno dovuta rifare a causa di ritiro (bracconaggio o gravi infrazioni) e con una circolare specifica che “con tale modifica si intende promuovere il rilascio di nuove licenze venatorie (…) in occasione del primo rilascio o, nel caso di revoca, del successivo nuovo rilascio”.

Questo significa, senza tanti giri di parole, premiare persone che hanno commesso reati con il chiaro intento di guadagnare voti da parte della componente venatoria più retriva. Se a questo aggiungiamo la sorte che avranno le Polizie Provinciali, l’esiguità delle sanzioni per chi commette crimini contro gli animali e la penuria complessiva di controlli possiamo tranquillamente dire che la Regione Lombardia si pone in prima fila fra le istituzioni che premiano i cacciatori e i bracconieri. Tutto questo con i soldi di tutti i cittadini che, come sappiamo, in grandissima parte sono contrari alla caccia.

Un vero affronto in un periodo di grandi sacrifici per tutti, che premia chi delinque. Complimenti

Ermanno Giudici
Presidente

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestPrint this page

I prossimi eventi

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca