Civetta in difficoltà soccorsa e portata all’ENPA di Milano

Civetta in difficoltà soccorsa e portata all’ENPA di Milano

Questo splendido esemplare di civetta è stato trovato in pieno giorno in un parco di Milano sotto una panchina circondata da alcuni cani che la osservavano incuriositi:

per evitare che la situazione potesse diventare troppo pericolosa per il piccolo rapace, un passante l’ha presa, messa in una scatola e consegnata agli operatori di ENPA Milano. E’ sempre meglio tenere i propri cani al guinzaglio onde evitare che possano fare del male ad animali liberi appartenenti alla fauna selvatica o che si possano fare del male per esempio attraversando improvvisamente la strada.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Tasso e poiana soccorsi e affidati ai veterinari dell’ENPA di Milano

Tasso e poiana cos’hanno in comune? Un passaggio dalla nostra clinica, dopo essere stati soccorsi, per verificare il loro stato di salute e sapere che presto si riprenderanno e potranno tornare liberi!
Il tasso è stato recuperato nel seminterrato di un parcheggio multi piano di un centro commerciale, dove si era probabilmente rifugiato a causa delle ferite riportate per un probabile impatto con un’automobile.
La poiana è andata a sbattere violentemente contro una finestra di una palazzina di Buccinasco, forse mentre era in un’azione di caccia o forse per un riflesso della superficie vetrata che l’ha tratta in inganno. Fortunatamente il rapace, a parte l’iniziale perdita di conoscenza causata dal trauma, si è ripreso e sta bene e sarà presto rimesso in libertà.
Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Soccorse e portate all’ENPA di Milano 5 minilepri. Quando è davvero giusto intervenire.

Puntuali con le stagioni del calendario e precisi come un orologio svizzero, i primi cuccioli di minilepre in difficoltà iniziano a essere soccorsi e portati presso la nostra struttura.

Una presenza che certifica come la stagione primaverile sia davvero arrivata:

alcune di loro hanno perso la mamma, altre sono state tirate fuori dalla loro tana da un gatto, altre ancora soccorse da alcune persone perché attaccate da cornacchie.

Il soccorso agli animali selvatici in questo periodo deve essere sempre ben ponderato: queste minilepri si trovavano in effetti in una situazione di estremo pericolo e quindi sono state letteralmente e giustamente aiutate a sopravvivere dagli stessi soccorritori.

Ma prima di intervenire in casi di ritrovamento di animali selvatici è sempre opportuno verificare che la situazione richieda effettivamente un intervento.

Molte volte l’azione di recupero, pur motivata da buone intenzioni, può infatti comportare un rischio  elevato di morte per svariati e diversi motivi.

Un animale ferito ha sempre bisogno di aiuto, ma quando troviamo un uccellino, un riccio o un altro “selvatico” che ci sembra soltanto in difficoltà non sempre la cosa migliore da fare è raccoglierlo per prestargli soccorso. Gli animali selvatici difficilmente sono abituati alla presenza dell’uomo e sono molto delicati: qualsiasi contatto superfluo potrebbe risultare dannoso alla loro salute e talvolta fatale.

Prima di soccorrere un animale selvatico è bene quindi accertarsi che sia effettivamente in pericolo, osservandolo per lungo tempo a distanza.

L’animale deve essere considerato in pericolo se:

– sembra ferito o malato (sanguinante, si muove in modo irregolare, appare debole o tremante);

– è un esemplare giovane, apparentemente abbandonato o in un luogo pericoloso. In questo caso è importante sapere che molti uccelli imparando a volare possono cadere dal nido e trovarsi in difficoltà, ma non vanno raccolti perché quasi sempre sono nutriti e sorvegliati a distanza dai genitori;

– si trova in un luogo che lo espone a dei pericoli (in mezzo alla strada, su un marciapiede, in un cortile in una posizione non riparata…).

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

La storia del piccolo piccione portato in ENPA appena nato – VIDEO

Difficilmente quando ci vengono portati, praticamente appena nati, riescono a sopravvivere.
Questa volta invece il pullus di piccione arrivato da noi quando aveva un paio di giorni di vita ce l’ha fatta e noi ne siamo davvero felici!
Grazie a tutti coloro che riescono ogni giorno a dedicare tempo, passione e amore a tutte queste vite!
Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Tasso in difficoltà, recuperato da ENPA Milano con Vigili del Fuoco

Questa mattina è stata segnalata telefonicamente all’ENPA di Milano la presenza di un tasso in difficoltà nel Naviglio di via Lodovico il Moro, all’altezza di piazza Negrelli.

In collaborazione con i Vigili del Fuoco e alla presenza della Polizia Locale di Milano, il soccorritore dell’Associazione ha recuperato l’animale che è stato successivamente trasferito al CRAS di Vanzago.

Il video del recupero e della consegna al CRAS:

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Fagiano soccorso da ENPA in via Beatrice d’Este a Milano

Come spesso accade in questi periodi dell’anno, iniziamo a ricevere telefonate per ritrovamenti di fagiani anche in città.

Questo esemplare è stato soccorso dai nostri operatori, dopo che il custode dell’edificio di via Beatrice d’Este a Milano ne aveva constatato l’anomala presenza nel cortile condominiale da ormai due giorni.

Non è un caso che in marzo e aprile siano i mesi nei quali vi sono frequenti avvistamenti e segnalazioni: in primavera vengono rilasciati infatti i fagiani da ripopolamento per la caccia.
Si tratta di esemplari allevati in cattività proprio con questo scopo, che vengono liberati perché possano (teoricamente) riprodursi nel periodo primaverile, per aumentare le prede durante il periodo della caccia.

Nella realtà solo pochissimi esemplari si riproducono davvero, considerando che sono allevati proprio come i polli e sono pochi quelli che riescono a arrivare all’estate.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

  • -

 Cigno atterrato su terrazzo al sesto piano di via Santa Sofia salvo grazie all’intervento di ENPA Milano

Ieri pomeriggio gli inquilini di un appartamento, al sesto piano di via Santa Sofia a Milano, si sono ritrovati un cigno che passeggiava sul terrazzo.

Una scena che mai avrebbero potuto immaginarsi di vedere in pieno centro a Milano e, naturalmente, si sono subito preoccupati per l’incolumità del cigno, passato il primo momento di comprensibile stupore. Così hanno subito contattato i soccorritori di ENPA Milano per chiedere un intervento.

Una volta sul posto gli operatori sono riusciti nella cattura del cigno, che è stato subito trasferito presso la clinica veterinaria dell’ente, dove è stato visitato dai medici veterinari della struttura.

“L’animale sta bene” ha dichiarato Ermanno Giudici presidente ENPA Milano. “In anni di soccorsi non è mai capitato di effettuare un intervento simile. Probabilmente il cigno, evidentemente stanco, ha visto il terrazzo come un luogo idoneo per potersi riposare. Probabilmente non si tratta di un esemplare completamente selvatico, ma di uno dei tanti cigni oramai stanziali che popolano gli specchi d’acqua in Milano e dintorni. Per poter prendere il volo un cigno deve avere molto spazio davanti a sé, per prendere una veloce rincorsa e potersi involare. Questo è stato il motivo per cui non è riuscito più a muoversi di lì e fortunatamente non ha neanche tentato di scappare all’arrivo dei soccorritori.”

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

  • -

Gattino in difficoltà salvo grazie a ENPA e Polizia Locale di Milano

Ieri notte a Milano alcuni abitanti di via privata Galeno, zona viale Monza, hanno sentito dei miagolii provenire dalla strada. Sembravano proprio quelli di un gatto in difficoltà che chiedeva aiuto!

Qualcuno, preoccupato per le sorti dell’animale, è sceso in strada per cercare di capire meglio la situazione, in modo da poter essere d’aiuto al gatto in difficoltà. Senza successo, purtroppo, visto che nessuno riusciva a capire da dove provenisse quel lamento.

Questa mattina il miagolio era diventato ancora più insistente: così la persona che nella notte si era più preoccupata della sorte del micio, ha iniziato a perlustrare meglio il circondario. Fino a quando non ha individuato una bocca di lupo nel marciapiede dalla quale sentiva arrivare i miagolii.

Dopo aver chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, ha telefonato anche all’operatrice del pronto soccorso dell’ENPA di Milano che si è subito attivata, vista la situazione di pericolo dell’animale, per riuscire a intervenire in tempi brevi per cercare di effettuare un recupero tempestivo.

Sul posto, insieme alla soccorritrice dell’associazione, sono arrivati quasi contemporaneamente anche gli agenti della Polizia Locale, preventivamente allertati.

Viste alcune situazioni simili accadute in passato si è replicato un sistema che aveva già funzionato per la cattura di animali in situazioni simili. Dopo aver individuato esattamente il tratto del condotto sotterraneo dove il gatto era rimasto intrappolato tutta la notte hanno fatto in modo di costringerlo ad uscire esattamente dall’uscita dove era stato posizionato il retino, facendolo cadere in trappola e togliendolo da una brutta situazione.

“Una nottata al gelo che sicuramente ricorderà per molto tempo, ma fortunatamente a lieto fine” ha dichiarato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano. “Il cucciolo, di circa tre mesi anche se con una gran voce, dopo il salvataggio è stato portato alla Clinica di ENPA Milano, dove è stato scaldato e rifocillato. Adesso sta bene e sarà presto trasferito al gattile comunale di Milano, dove siamo certi riuscirà a trovare prestissimo un’adozione. Un animale in casa è un compagno di vita quando la scelta di prenderlo è stata consapevole.”

 

 

 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Un altro cinghiale ucciso in città

ENPA Milano e LAV riescono a salvarne un altro ferito

e a trasferirlo al Rifugio Miletta

Un altro cinghiale ucciso in città dagli operatori del Nucleo Ittico Venatorio della Regione Lombardia: inizialmente gli animali in giro dalle prime ore dell’alba di ieri mattina in zona Barona a Milano sembrava fossero 2 ma in realtà alcune segnalazioni parlavano di qualche esemplare in più.

Dopo l’uccisione del primo individuo freddato – a quanto raccolto dalle testimonianze presenti sul posto – all’interno dei corselli dei box di Via Tobagi, un secondo cinghiale è stato imbragato e soccorso da parte dei Vigili del Fuoco nelle acque del Naviglio.

Successivamente è stato anestetizzato e affidato alla Polizia Locale della città Metropolitana di Milano.

Un terzo cinghiale segnalato all’altezza di Gaggiano, nelle acque del Naviglio, è stato dapprima catturato e legato in acqua con una corda e successivamente, dopo innumerevoli tentativi di sedazione con materiale inidoneo, è stato anestetizzato.

LAV e ENPA Milano, per cercare di salvaguardare l’incolumità degli animali avevano seguito sin da subito le loro vicende e così hanno chiesto e ottenuto dagli Agenti della Polizia Locale della Città Metropolitana di Milano, presenti sul posto, di affidare il cinghiale alle rispettive associazioni. Successivamente il terzo cinghiale è stato trasferito al Rifugio Miletta di Agrate Conturbia dove si è risvegliato dalla sedazione e sembra essere in buone condizioni di salute.

Queste le dichiarazioni delle associazioni ENPA e LAV di Milano a commento di quanto avvenuto:

“Con sempre maggiore frequenza accade che gli animali selvatici, che spesso vivono nelle zone limitrofe a quelle urbanizzate, si trovino in situazioni di difficoltà. Come è accaduto nuovamente ieri a dei cinghiali, caduti nel Naviglio probabilmente a causa di uno scivolamento sulle sponde del canale avvenuto in zone di campagna.

Ancora una volta il recupero è stato problematico per mancanza di personale addestrato e di materiali idonei, finendo poi nella solita parziale mattanza, come già accaduto in passato. Ieri un cinghiale è stato ucciso a colpi di fucile nei corselli di un garage, dopo aver tentato di anestetizzarlo con attrezzature non idonee.

A questo proposito non si comprende per quale motivo non sia invece intervenuto il personale formato con in dotazione lo specifico fucile caricato con dardi narcotizzanti, anche considerando che ENPA Milano aveva già fatto presente alle istituzioni che è necessario che vengano create squadre di pronto intervento idonee per neutralizzare in modo non letale questi animali. Senza mettere in pericolo uomini e animali e senza inutili e pericolose uccisioni.

Ancora una volta abbiamo visto i Vigili del Fuoco intervenire, anche oltre le loro competenze, ma con assenza di armi narcotiche idonee da parte della Polizia Metropolitana, di un veterinario formato e senza attrezzature per imbragamento, cattura e trasporto. Si sono potuti vedere in un video, girato dai volontari della Task Force Animalista, pompieri su un canotto che cercavano di inoculare narcotico al cinghiale in acqua con una siringa ipodermica. Operazione problematica e pericolosa per tutti.

Le associazioni richiedono con urgenza al Prefetto e al Sindaco della Città Metropolitana, che è il sindaco di Milano Sala, la convocazione di un tavolo fra tutte le componenti interessate, per non continuare a mettere in atto azioni pericolose e fonte di maltrattamento per gli animali. Stilando protocolli e linee guida che consentano di affrontare le emergenze con strumenti idonei e personale appositamente formato.”

 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Fagiano in difficoltà soccorso da ENPA Milano, aveva ancora il copribecco addosso

Lunedì 5 ottobre, intorno alle 20, gli operatori di ENPA Milano sono stati contattati da alcune persone che segnalavano la presenza di un fagiano in piazza Durante a Milano che aveva “uno strano becco” e sembrava avesse difficoltà a involarsi.

Una volta sul posto, le soccorritrici hanno catturato l’animale e lo hanno portato presso la Clinica Veterinaria dell’associazione.

Lo “strano becco” che era stato notato dai segnalanti, in realtà era un copribecco per fagiani utilizzato dagli allevatori per evitare cannibalismo tra esemplari che vivono insieme in cattività.

“I veterinari hanno provveduto a togliere all’animale il supporto dal becco e a visitarlo” ha dichiarato Ermanno Giudici presidente di ENPA Milano “E’ in buone condizioni di salute ed è quindi stato trasferito presso il CRAS di Vanzago. La presenza dei due fagiani in pochi giorni in zone così frequentate della nostra città, potrebbero denotare un gran movimento di cacciatori nelle campagne limitrofe, ma anche un rilascio non autorizzato di animali “pronta caccia”, come dimostra il rinvenimento del fagiano . Animali che quindi vengono lasciati liberi solo per essere ritrovati da cacciatori, una pratica vietata e inaccettabile. In questo caso presumibilmente, hanno semplicemente dimenticato di togliergli il copribecco.”

Fortunatamente il fagiano soccorso in piazza Durante e l’altro che si era rifugiato nel negozio di abbigliamento in corso Lodi, sono salvi, ma sicuramente una volta liberati, anche in zone protette, non avranno vita facile visto il periodo e la possibilità di volare altrove.”

 

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici!

Facebook

Twitter

Archivio notizie

Iscriviti alla Newsletter

Cerca