Sama e Lola: la favola di una migrante sudanese e la sua gatta

Sama e Lola: la favola di una migrante sudanese e la sua gatta

La storia di Sama, una migrante sudanese di 24 anni, e della sua gatta Lola sta facendo il giro del mondo, commuovendo molti.

Sono state entrambe soccorse nel canale di Sicilia da un pattugliatore della Royal Navy britannica per poi essere sbarcate a Lampedusa, come racconta questo articolo di Repubblica, dal quale abbiamo tratto la foto.

Questa storia, quasi una favola da raccontare ai nipoti, ci parla di molte cose e dovrebbe farci riflettere non soltanto sull’importanza del rapporto fra l’umano e l’animale, ma anche sul profondo bisogno dell’uomo di trovare consolazione e forza da questo scambio. Sama e Lola avranno superato mille difficoltà insieme, in questo viaggio che la giovane ragazza sudanese ha voluto affrontare avendo accanto a sé la gatta Lola.

L’aspetto romantico non deve far dimenticare come questo evento non sia auspicabile, per una serie di motivi, ma trattandosi di un’eccezione come tale merita di essere fatta conoscere.

Questo viaggio della speranza, intrapreso con mille difficoltà, dimostra che gli uomini hanno sentimenti comuni, quale che sia il colore della loro pelle e la loro cultura, ed è solo il libero arbitrio di ognuno che ci porterà a scegliere quali strade vogliamo percorrere e con quale senso della vita. Sono convinto che Sama continuerà a seguire quelle del rispetto e dell’empatia, quelle strade che l’hanno portata a decidere di non separarsi da Lola.

Auguri per il vostro futuro, che sia migliore di un passato insanguinato, come quello che ha caratterizzato il Sudan.

Ermanno Giudici
Presidente ENPA Milano


Facebook

Twitter

Archivio notizie

Cerca